Crisi: meno famiglie hanno fatto ricorso ai propri risparmi nel 2013

Leggero miglioramento sull'anno scorso in termini di risparmi drenati, ma il 56% degli italiani teme che la legge di stabilità 2013, con l’introduzione di tante nuove e piccole tasse, intaccherà ulteriormente il proprio "salvadanaio".


I due terzi delle famiglie italiane, cioè 15 milioni di nuclei, nel 2013 hanno dovuto far fronte a un calo dei propri redditi a causa della crisi, come già nel 2012. 10 milioni di famiglie hanno rimediato alla riduzione delle proprie disponibilità grazie ai propri risparmi, da cui hanno attinto 184 euro al mese, un po’ meno dei 193 euro mensili dell’anno scorso.

Secondo i dati forniti da una ricerca condotta da SWG - su reddito, risparmi, ricorso al credito e percezione della propria situazione da parte delle famiglie - c’è stato quindi un miglioramento, in termini di minori risparmi drenati, pari a 3 miliardi.

Tuttavia l’atteggiamento del 56% degli italiani rimane difensivo temendo che la Legge di stabilità 2013, con l’introduzione di tante nuove, piccole e più o meno mascherate tasse, intaccherà ulteriormente i propri risparmi.

continua a pagina 2

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail