Confindustria: le imprese di Stato costano troppo

Secondo il Centro Studi di Confindustria ci sono 40mila partecipazioni statali.

Nel rapporto del 19 dicembre del Centro Studi di Confindustria si legge un giudizio piuttosto severo sulle partecipazioni statali. In base a quanto risulta dai numeri della banca dati Consoc che istituita presso il ministero per Pubblica amministrazione e la Semplificazione, infatti, nel 2012 le partecipazioni possedute da Pa in 7.712 organismi esterni ammontavano a 39.997 per un onere complessivo di 22,7 miliardi di euro, ossia circa l'1,4% del Pil.

Secondo il Csc questi sono numeri che il Paese non si può permettere, soprattutto perché, nella maggior parte dei casi, si tratta di organismi che sono nati a livello locale per aggirare vincoli di finanza pubblica come il patto di stabilità interno e sono anche uno strumento per elargire posti di lavoro in modo da mantenere il consenso politico.

Anche se il Csc non vuole fare di tutta l'erba un fascio e riconosce che non tutti gli organismi rispondono a queste logiche, ritiene comunque che sia un'anomalia l'intensità con cui questo fenomeno si è sviluppato.

Confindustria ritiene dunque che sia una priorità dismettere gli enti o almeno azzerare i costi di quegli organismi che non producono servizi di interesse generale e tuttavia godono della partecipazione di pubbliche amministrazioni. In particolare, sono oltre la metà gli organismi che non svolgono attività di interesse generale, ma assorbono il 50% degli oneri sostenuti per le partecipata, che tradotto in soldoni significa almeno 11 miliardi di euro di spreco. Inoltre, dallo studio del Csc emerge anche che più di un terzo delle partecipato nel 2012 ha avuto delle perdite e questo ha comportato per la Pa un onere di circa altri 4 miliardi di euro.

Ci sono anche alcuni di questi organismi partecipati, ossia il 7%, che hanno registrato perdite per tre anni consecutivi gravando sul bilancio pubblico per 1,8 miliardi di euro. Insomma, Confindustria mette in evidenza che il "capitalismo pubblico" ci costa troppo e va assolutamente "snellito".

  • shares
  • Mail