Le tasse nel 2013 sono scese: lo dice la Cgia

Si inverte la tendenza degli ultimi anni. Ma si tratta di cifre modeste.

Nel 2013 le famiglie hanno pagato meno tasse. Una notizia che può lasciare stupefatti se si considera quanto la pressione fiscale stia opprimendo i lavoratori arrivando a sfociare anche in proteste clamorose come quelle dei Forconi che hanno attraversato il mese di dicembre.

Eppure, secondo uno studio della Cgia di Mestre, nel 2013 il peso fiscale è diminuito, invertendo così una tendenza che negli ultimi anni era sempre stata al rialzo. Certo, non si tratta di numeri che cambiano la vita: rispetto al 2012, un operaio senza familiari a carico ha guadagnato 15 euro, ma le cifre salgono parecchio se si considera una famiglia bireddito con un figlio a carico (+178 euro) e arrivano al massimo nel caso di una famiglia monoreddito con due figli a carico (+250 euro).

E nel 2014 le cose potrebbe ancora migliorare, soprattutto nei primi due casi e grazie alla riduzione del cuneo fiscale che è stata approvata nella legge di stabilità: per l'operaio il risparmio salirà a 111 euro, per la famiglia bireddito con un figlio a 183 euro. Peggiora invece la situazione per la famiglia monoreddito con due figli, che pagherà 164 euro in più nel caso che il livello retributivo sia medio-alto.

Spiega il segretario della Cgia Bertolussi: "Con l'abolizione dell'Imu sulla prima casa e con l'incremento delle detrazioni Irpef per i figli a carico nel 2013 queste misure hanno assunto una dimensione economica superiore a tutti gli aumenti registrati nel corso dell'anno. Grazie a ciò, le famiglie hanno potuto godere di una riduzione del carico fiscale rispetto al 2012. Con il taglio del cuneo che premierà solo i lavoratori dipendenti, dal 2014 i risparmi saranno più pesanti per i livelli retributivi più bassi, mentre tenderanno a ridursi man mano che cresce il reddito".

Attenzione, però, perché questi riduzione del carico fiscale andranno ad ammortizzare l'aumento dovuto all'entrata in scena della Tasi e agli aumenti delle accise sul carburante e non riguarderà le famiglie composte da pensionati e lavoratori autonomi che non potranno beneficiare del taglio del cuneo fiscale. Per costoro, le tasse aumenteranno.

Rispetto al 2011, comunque, le cose sono parecchio peggiorate: il giovane single si è visto aumentare il peso delle tasse di 273 euro, la coppia bireddito con un figlio a carico di 339 euro, mentre la famiglia monoreddito addirittura di 749 euro.

  • shares
  • Mail