Il canone Rai sarà gestito dall’Agenzia delle Entrate?

Befera ventila l'ipotesi contro l'evasione del canone e parla anche del ruolo della Sogei. L'audizione del direttore delle Entrate all'anagrafe tributaria.

Quello che chiamiamo canone Rai non è un abbonamento ma un tributo, cioè un’imposta, perciò il solo fatto di pensare se abbonarsi o meno:

"è concettualmente sbagliato".

Così si è espresso il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, durante l'audizione all'anagrafe tributaria. Secondo Befera la gestione del recupero dei canoni non pagati, oggi in concessione alla Rai per le persone fisiche, potrebbe passare sotto la diretta gestione delle Entrate.

Nell'audizione odierna sono stati forniti i numeri dell’evasione del canone Rai (scadenza 31 gennaio, costo 113,50 euro) che viaggia attorno al 25% secondo i calcoli della Corte dei Conti nel periodo 2004-2007. Si tratta di ben 450 milioni evasi ogni anno. Per contrastare il fenomeno secondo il numero uno dell’AE sono necessarie banche dati che siano allineate e comprensibili perché non sempre lo sono rappresentando spesso un problema più che una soluzione.

Per Befera adesso comunque:

"la cosa più importante è accelerare sull'agenda digitale e se la Sogei diventa il fulcro delle banche dati occorre ripensare anche alla sua organizzazione".

La Sogei (SpA del settore ICT a totale partecipazione pubblica che presta servizi strumentali all'esercizio delle funzioni pubbliche del Mef e delle agenzie fiscali) dice Befera:

"sta progressivamente assorbendo nuovi e impegnativi compiti in contesti esterni alla fiscalità. Non avere chiarezza sugli scenari evolutivi di tale società è un elemento di preoccupazione per l'Agenzia".

Se questo orientamento fosse confermato, ha detto in conclusione Befera, sarà necessario che lo stesso venga accompagnato da un importante progetto di revisione industriale dell'organizzazione e dei ruoli della Sogei, controllata al 100% dal Ministero dell'economia e delle finanze.

© Foto TMNews - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail