Infostrada: addio al canone? Benvenuta sentenza!

wind condanna
"Caro canone addio" diceva la pubblicità di Infostrada nel 2001: non è andata così e ora a Wind, che che nel frattempo ha assorbito Infostrada, toccherà pagare una bolletta molto salata.

Lo stabilisce una sentenza del tribunale di Torino destinata a fare da apripista: oltre 130 mila il numero di consumatori interessati per un totale di 80 milioni di euro. (leggi)

"Sulla base - sostiene Alessandro Mostaccio, dirigente piemontese dell’associazione di consumatori - di un calcolo molto semplice: il contratto aveva validità 12 mesi, per tanti si è protratto oltre due anni, e in quell’arco di tempo chi aveva lasciato Telecom per abbonarsi a Infostrada, convinto da un’aggressiva campagna pubblicitaria, è stato costretto a pagare anche il vecchio canone di circa 30 euro a bimestre." Infostrada aveva fornito, come promesso, l’accesso diretto alla rete telefonica fissa a soli 690 abbonati dei 138.178 che in pochi mesi avevano aderito al contratto. Gli altri li dirottò sul servizio "carrier preselection" che prevedeva necessariamente il pagamento del canone Telecom.

Da Wind arriva però la smentita: le somme contestate non supererebbero i due milioni ed é pronto il ricorso.

  • shares
  • +1
  • Mail