Alitalia ritira la procedura di cassa integrazione a zero ore

Domani incontro azienda-sindacati. Letta vola negli Emirati, direzione Etihad.

Alitalia ha ritirato la procedura di cassa integrazione a zero ore (sospensione totale dal lavoro) che avrebbe dovuto riguardare circa 300 dipendenti: era la condizione chiesta dai sindacati per affrontare con l’azienda il nodo dei 1.900 esuberi annunciati. Si ricorrerà agli ammortizzatori sociali, nessuno sarà licenziato.

Domani pomeriggio è previsto il prossimo incontro tra il management dell’ex compagnia di bandiera e i sindacati. Al tavolo potrebbe prendere parte secondo indiscrezioni di stampa anche l'ad di Alitalia, Gabriele Del Torchio.

Secondo il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti:


Si è fatta un'intesa attraverso cassa integrazione e solidarietà per evitare che ci fossero licenziamenti; di lavoro ce n'è di meno e l'obiettivo è stato raggiunto perché sarà distribuito su tutti i lavoratori in attesa che ci sia un accordo con un'altra compagnia.

Etihad, la compagnia di bandiera degli Emirati Arabi, è l’ultimo partner industriale cui governo e Alitalia guardano con fiducia e che potrebbe entrare nel capitale del vettore italiano con 300 milioni di euro. Il premier Enrico Letta sarà in missione ad Abu Dhabi la prossima settimana.

Intanto il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi commenta:


Il patto sottoscritto dal governo non prevede né licenziamenti né esuberi, bensì un piano che consenta all'azienda di ritornare competitiva. Abbiamo scommesso su Alitalia e vogliamo che i privati tornino a credere nell'impresa, sottoscrivendo le quote. Occorre puntare su un importante partner internazionale. Infine, si tratta di creare sviluppo con l'azione sinergica fra sindacati e impresa.

Per la Filt Cgilc si dovranno predisporre strumenti come la cassa integrazione a rotazione e i contratti di solidarietà, oltre a processi di formazione e riqualificazione del personale per l’eventuale ricollocazione in azienda.

(Nel video di TgLa7: la presentazione del nuovo piano industriale di Alitalia, con i 1900 esuberi previsti per risparmiare 128 milioni).

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: