W-Hospital: sanità senza fili

W-hospital

Stanchi delle solite inefficienze e ritardi del sistema sanitario?
E' in arrivo la cartella clinica digitale che seguirà il paziente dall'accettazione fino al ricovero in ospedale.

Un esempio di quanto sperimentato dal centro Ibm di Haifa lo troviamo a Busto Arsizio (Varese), dove tramite un sistema di gestione e condivisione dei dati clinici si sta realizzando una vera e propria "banca del paziente" digitalizzata.

In questo caso è la tecnologia di Microsoft che offre i propri servigi all'"umanità" . I dati vengono infatti immessi in un sistema di condivisione tramite una pc tablet e collegati wi-fi con una tecnologia Asp.net di Microsoft.

L'evidente guadagno in efficienza e snellimento burocratico si coniuga con un più che proporzionale vantaggio in termini di costi.
Ricordiamo infatti che la spesa sanitaria nazionale dei singoli stati europei è in costante crescita negli ultimi anni e non necessariamente in concomitanza ad un miglioramento dei servizi ai pazienti.

Secondo l'indagine Ocse nell'ultimo decennio i costi della spesa sanitaria sono infatti aumentati più del 70% in Italia e addirittura oltre il 90% in Spagna.

Uno studio condotto proprio in Spagna ha calcolato un costo di implementazione della tecnologia a livello regionale di circa 26 milioni di Euro. La Banca sarebbe direttamente gestita dall'Ente regionale, a cui dovrebbero pervenire tutti i dati prodotti dagli istituti sanitari, fornendo una soluzione adeguata alla crescente esigenza di decentramento amministrativo dell'Unione.

Rimane un unico dubbio: chi garantisce per un rapporto umano con il paziente quando a gestirlo saranno macchine?

  • shares
  • Mail