Le dimissioni di Pesenti da Rcs e i presunti favori di John Elkann ai cugini

L'acquisto di un sito di viaggi per renderlo partner del Corriere alla base dello scontro. Perché?

Carlo Pesenti - azionista di primo piano e storico alleato della famiglia Agnelli - si dimette dal cda di Rcs Mediagroup: già questa sarebbe una notizia, ma il restroscena del Fatto Quotidiano, se confermato, porterebbe alla luce una manovra di John Elkann - che potrebbe essere alla base delle dimissioni di Pesenti - che stride parecchio con le sue dichiarazioni sui giovani in Italia che non trovano lavoro perché stanno bene a casa.

Secondo Il Fatto alla base delle dimissioni di Pesenti ci sarebbe una "strana operazione portata a termine a fine gennaio dal management, a quanto pare senza tenere informato il consiglio d'amministrazione". Il gruppo ha infatti acquistato un sito di prenotazioni alberghiere chiamato Hotelyo, per inserirlo dentro il portale corriere.it, con il nuovo nome doveclub.it, associato alla rivista di turismo Dove. Un'operazione dalla quale Rcs spera di ricavare parecchio.

Qual è il problema? Messa così, sembra un'operazione più che legittima. A far innervosire i membri del cda è però il fatto che l'operazione sia stata fatta senza tenere conto del consiglio d'amministrazione, e che soprattutto la manovra si potrebbe anche leggere come un favore di Elkann ai suoi cugini. Scrive l'HuffPost:

Pare, infatti, che l'acquisto sia stato un "favore" fatto da Yaki ai suoi cugini: fra gli azionisti del sito infatti ci sarebbe la finanziaria torinese Lamse che fa capo ai fratelli Andrea e Anna Agnelli, i figli di Umberto Agnelli, nonché appunto cugini di John Elkann. Tutto in famiglia, dunque. Con buona pace di quanti, compreso Pesenti, ritengono che Rcs non debba essere solo affare di casa Agnelli e debba essere gestita con una politica più trasparente e non sbilanciata a favore della Fiat.

È evidente che un'operazione del genere, in cui si decide l'acquisto di un sito i cui azionisti sono cugini di chi compra - proprio nei giorni in cui ci sono polemiche sulle dichiarazioni su "come per i giovani sarebbe facile trovare lavoro se lo volessero" - renda ancora più evidente l'inopportunità delle parole di Elkann. Oltre ad aver, stando al Fatto, causato le dimissioni di Pesenti.

  • shares
  • +1
  • Mail