Retròmarcia per Telecom

Canone telefonico

Nessun rincaro del canone Telecom (vedi il Post di ieri), l'azienda rinuncia alla manovra congelando per il momento anche i ribassi per le voci di spesa "una tantum".

Rimarranno dunque invariati i soliti sgraditi costi fissi che gli aficionados Telecom si trascinano in bolletta dal lontano 2002.
L'autorità per le Telecomunicazioni (Agcom) avrebbe dovuto prendere in esame la proposta Telecom proprio oggi come da ordine del giorno, ma questo quanto emerso da una nota:

"A seguito di un colloquio con il presidente dell'Autorità Corrado Calabrò nel corso del quale sono state considerate anche le preoccupazioni dei consumatori per il preannunciato aumento del canone di Telecom Italia nell'ambito della manovra tariffaria all'esame dell'Agcom, il presidente Guido Rossi ha informato Calabrò che Telecom soprassiede al richiesto aumento del canone".

Che siano servite per una volta le, seppur distruttive, critiche delle associazioni consumatori (Codacons e Adiconsum)?

Rimane in ogni caso l'impegno attivo della Società nella gestione dei reclami, risultato di un'intenso "summit" con le Associazioni Consumatori dello scorso 29 novembre,

''per il traffico generato sui servizi a tariffazione specifica per chiamate originate in maniera fraudolenta, anche attraverso il cosiddetto fenomeno dei 'dialers'''.

Telecom ha infatti stabilito che

''per tutti coloro che abbiano presentato un reclamo secondo le modalita' previste dalle condizioni generali di abbonamento, accompagnato da una denuncia alle autorita' competenti (Polizia Giudiziaria), provvedera' a stornare dalla bolletta l'importo addebitato''.

Non tutti i mali vengono dunque per nuocere, pare infatti che a partire dal 2007 l'azienda attiverà un servizio di disabilitazione dei numeri speciali a costo zero. Gli abbonati Telecom riceveranno un PIN con cui disabilitare/abilitare il proprio numero verso questi servizi (ad esempio l'899).

  • shares
  • +1
  • Mail