Prezzi: aumento generalizzato a Settembre. 550 euro in più per gli alimenti

Il rientro dalle vacanzeper chi ci è andato, sarà ancora più amaro quando si andrà a fare la spesa. Secondo il Codacons la riapertura dei negozi e delle attività commerciali si accompagnerà ad un:

aumento generalizzato dei prezzi, mediamente del 5% sui prodotti di largo consumo, con punte fino al +10% per quei beni legati strettamente alle quotazioni dei carburanti".

In soldoni, 550 euro in più a famiglia solo per la spesa alimentare. I cittadini secondo il Codacons reagiranno a questi aumenti di prezzi e tariffe in tutti i settori con:

"una forte riduzione dei consumi, che di questo passo proseguirà fino a fine anno, costringendo i consumatori ad un Natale gelido sul fronte degli acquisti".

Sul banco degli imputati benzina e gasolio, i maggiori colpevoli degli aumenti che si ripercuotono su tutta la filiera alimentare, in un paese dove il 90% circa delle merci viaggia su gomma. Dice il presidente dell'Associazione dei consumatori Carlo Rienzi:

"L'abnorme aumento dei listini dei carburanti e le sconsiderate accise che gravano su benzina e gasolio, stanno comportando un incremento dei costi che viene scaricato sui consumatori finali".

E mentre questo sarà l’ultimo weekend di sconti sui carburanti nei distributori self, i prezzi di benzina e gasolio restano fermi sia per i massimi storici, rispettivamente a 2,019 e 1,852 euro/ litro) sia per le medie (1,929 e 1,812 euro/litro).

Il Codacons per il prossimo 19 settembre ricorda di aver organizzato lo sciopero della spesa, una protesta simbolica contro il caro vita e chiede:

“a gran voce al governo di intervenire sul fronte della tassazione, riducendo il peso fiscale sui carburanti, che risulta il più elevato al mondo''.

Foto | © TMNews

 

  • shares
  • Mail