Istat: occupati nelle grandi imprese in calo dell'1,3% nel 2013

A livello settoriale: + 0,2% nell’industria e -1,1% nei servizi.

Ancora un calo occupazionale nelle grandi imprese. L'Istat rende noto che nel 2013 la quota di occupati nelle grosse aziende è diminuita dell'1,3% al lordo e dell'1,2% al netto dei dipendenti in cassa integrazione guadagni (cig).

A dicembre 2013 l'Istituto statistico nazionale rileva che rispetto al precedente novembre l'indice è rimasto stabile al lordo dei dipendenti in cassa integrazione, facendo però registrare un incremento dello 0,2% al netto di quelli in cig.

Confrontando i dati di dicembre scorso con quelli dello stesso mese del 2012 l'Istat segnala una flessione dell'1,1% al lordo e dello 0,7% al netto dei dipendenti in cassa integrazione.

Per settori, l'occupazione al netto dei dipendenti in cig a dicembre mostra aumento dello 0,2% nell'industria e un calo dell'1,1% nel comparto dei servizi. Al netto degli effetti di calendario, il numero di ore lavorative per dipendente, sempre esclusi quelli in cig, è aumentato su dicembre 2012 dell'1%.

L'incidenza delle ore di cassa integrazione usate si attesta a dicembre a 33,3 ore ogni mille ore lavorate, diminuendo di 4,1 ore ogni mille rispetto a dicembre del 2012.

Nell'ultimo mese dell'anno scorso la retribuzione lorda per ora lavorata, a dati destagionalizzati, segna una riduzione dell'1,3% su novembre; su base annua invece l'indice grezzo sale dello 0,3%. La retribuzione lorda per dipendente, ancora al netto di quelli in cig, fa registrare su base tendenziale un incremento dell’1,2% a dicembre 2013 mentre il costo del lavoro cresce dell’1,3%. Prendendo in esame soltanto la componente continuativa, la retribuzione lorda per lavoratore sale rispetto a dicembre 2012 di 1,4 punti percentuali.


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail