Busta paga più alta di 80 euro con il taglio dell'Irpef?

Il governo Renzi dovrebbe varare la misura nel Cdm di mercoledì prossimo

Subito una busta paga più alta di 80 euro al mese? A questo lavorerebbe il governo Renzi, attraverso un consistente taglio del cuneo fiscale a carico dei lavoratori dipendenti, cioè delle tasse che pagano, pari a 10 miliardi. Come? Con un decreto che riduce l’Irpef per quell’equivalente a favore delle fasce di reddito sotto 25mila euro l’anno.

Sarebbe sicuramente una bella boccata d’ossigeno per le famiglie, e per questa via si potrebbe dare una amano anche alla ripresa degli asfittici consumi. Certo siamo lontani dalle 14-15 euro al mese in più in busta previste dal piano di riduzione del carico fiscale per i dipendenti del governo Letta. Anzi, secondo la Repubblica, a quelle 15 euro dovrebbero ora aggiungersi le 80 del nuovo piano, per un bonus complessivo di 100 euro mensili in busta.

Il nodo delle coperture. Ma i soldi, dove pensa di reperirli il governo? La copertura dovrà arrivare da una parte dalla spending review, purché a pagare non siano i soliti noti, dall’altra da entrate una tantum. Metà e meta. Non nuove tasse ha ribadito il premier Matteo Renzi, e nessuna nuova manovra o manovrina.

Ne sapremo di più dopo il Consiglio dei ministri di mercoledì che tra l'altro deve varare appunto il decreto di taglio dell’Irpef per 10 mld. Intanto a Via XX Settembre, sede del Mef, circolano anche altre ipotesi. Il sottosegretario al Tesoro Enrico Zanetti, Scelta Civica, ancora senza deleghe, ad esempio al Messaggero spiega oggi che lui partirebbe dalla riduzione dei contributi Inps sui dipendenti sotto gli 8mila euro all'anno:

In questo modo aumenterebbero anche le buste paga dei lavoratori che guadagnano meno di 8.000 euro l’anno e che già non pagano Irpef. È giusto partire da queste fasce non solo per senso di equità ma anche perché chi guadagna poco tende a spendere quasi tutto il suo reddito. Dunque si otterrebbe un effetto rivitalizzante sull’economia, aziende comprese.


Il taglio dell’Irap per le imprese per ora è rinviato, causa mancanza di risorse. Alle aziende si potrà pensare un attimo dopo, precisa Zanetti.

taglio irpef governo renzi

  • shares
  • +1
  • Mail