Padoan a Bruxelles: la riduzione di spesa coprirà il taglio al cuneo fiscale

Per il ministro dell'Economia del governo Renzi esordio all'Eurogruppo.

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan oggi ha fatto il suo esordio all'Eurogruppo e ha illustrato ai suoi colleghi degli altri Stati membri i piani del governo Renzi.

Padoan ha spiegato che le previsioni sulla crescita del Pil devono essere viste ulteriormente al ribasso: se infatti il governo Letta l'aveva inizialmente fissata all'1,1% e poi all'1%, secondo l'attuale ministro è più credibile la previsione dell'Ue dello 0,6%.

Il ministro ha detto:

"I numeri che abbiamo sott'occhio sono più vicini a quelli della Commissione di quanto non fossero in passato. Il mio atteggiamento è di esser prudente, preferisco tenermi basso"

Padoan ha poi parlato della spending review come di uno sforzo fondamentale per ottenere risorse e per cambiare i meccanismi di spesa ed è dunque una riforma strutturale indispensabile. Ha inoltre confermato quanto sentiamo già ripetere da tanto e cioè che è prioritaria la messa in atto di politiche che favoriscano la crescita e l'occupazione senza che vada disperso il risultato delle finanze pubbliche finora raggiunto.

Il ministro ha anche spiegato che il governo sta lavorando a un provvedimento che colleghi il pagamento dei debiti della Pubblica amministrazione a un riassetto permanente del sistema per evitare che se ne accumulino altri.

L'Europa è di recente intervenuta duramente nei confronti dell'Italia inserendola tra i Paesi con gravi squilibri macroeconomici e poi bocciando l'idea di usare i fondi comuni per la riduzione del cuneo fiscale. L'abbassamento delle tasse sul lavoro è un punto fondamentale del progetto dell'esecutivo Renzi e di questo argomento molto probabilmente Padoan parlerà ancora con i suoi colleghi nel corso della sua permanenza a Bruxelles che si protrarrà fino a domani per l'Ecofin, dopo il quale dovrà tornare subito a Roma per l'atteso Consiglio dei Ministri di mercoledì 12 marzo.

Pier Carlo Padoan

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail