Legnini (MEF): sgravio Irpef di 80-100 euro

L'intervista del sottosegretario dell'Economia al Mattino di Napoli: "prima bisogna intervenire riducendo l’Irpef sulle buste paga".

Chi vincerà il derby Irap/Irpef - cioè taglio delle tasse subito per le imprese versus taglio delle tasse subito per i dipendenti - lo sapremo domani dopo il più atteso Consiglio dei ministri degli ultimi tempi.

Intanto le parti sociali cercano di fare pressioni sul governo, ognuna tirando l’acqua al proprio mulino. Il premier Matteo Renzi ha detto che l'esecutivo rottamatore ascolta tutti, sindacati e imprenditori, ma sa già cosa fare.

Inutile dire che se ne uscirà fuori una soluzione di compromesso, mini taglio Irpef e contestuale mini taglio Irap, si rischia di scontentare tutti e di rinviare il vero abbattimento del cuneo fiscale ad altra data e altre risorse.

Nel governo le posizioni non sono univoche. Giovanni Legnini (Pd), attuale sottosegretario al Ministero dell'Economia e delle Finanze (e già sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'editoria nel governo Letta) in un’intervista al Mattino di oggi dice che:


«Il premier ha espresso chiaramente il suo pensiero affermando di voler far prevalere gli interventi relativi ai redditi da lavoro. Comunque, sarà il cdm a prendere la decisione finale».

Poi Legnini smentisce che il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan voglia concentrare tutte le risorse, 10 miliardi, per la riduzione dell’Irap:


«Padoan non si è espresso. Personalmente, credo che bisogna intervenire riducendo l’Irpef sulle buste paga. Ciò non perché la riduzione dell’Irap non sia importante, anzi è una necessità. Ma adesso dobbiamo fare una scelta per sostenere i consumi».

Le coperturte? Arriveranno dalla spending review e dagli accordi di trasparenza per il recupero dell’evasione fiscale dalla Svizzera?


«Le fonti sono queste. Ci basiamo anche sul prezioso lavoro fatto in precedenza per la revisione della spesa pubblica. Inoltre, si sta valutando anche qualche altra opportunità. Il lavoro sulle coperture è molto complesso. Se avessimo risolto questo problema il quesito di come attuare il taglio del cuneo si potrebbe considerare già risolto».

Sui tempi di realizzazione Legnini è cauto:


«Sulla data di domani si è già espresso il premier. E se sarà necessario prendersi qualche ora in più di tempo il motivo sarà essenzialmente di ordine tecnico. Non dimentichiamoci che stiamo attuando un’operazione straordinaria, perciò anche i metodi di definizione  sono di carattere straordinario. E richiedono l’adozione di molta cautela e ponderazione».

Lo sgravio Irpef sarà compreso tra gli 80 e i 100 euro, come detto da Renzi nella campagna per le primarie che lo hanno portato a prendersi la guida del Pd e, per questa via, il governo?

«Siamo su questa quota, se tutto andrà come previsto in relazione al nodo delle coperture, e si opterà nel senso indicato».

Chi vivrà, vedrà.

Palazzo Chigi 6 jpg

  • shares
  • +1
  • Mail