Evasione fiscale, accordo tra 44 Paesi per lo scambio di informazioni

Nuovo standard globale sullo scambio automatico di dati relativi ai contribuenti dei vari Stati.

L'Italia insieme con altri 43 Paesi ha firmato un accordo in base al quale, a partire dal 2017, gli aderenti si scambieranno informazioni fiscali su conti aperti dalla fine del 2015 in poi.

Il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan ha definito questa intesa come una "pietra miliare nella realizzazione del nuovo standard globale per lo scambio automatico delle informazioni fiscali". Grazie all'accordo raggiunto oggi ci sarà un cambiamento radicale nella capacità di contrastare l'evasione fiscale.

Padoan ha aggiunto che questo impegno

"mostra la nostra determinazione a guidare il passaggio rapido ad un sistema realmente globale che rimuoverà i sicuri rifugi per tutti coloro che cercano di evadere le tasse"

Il ministro ha poi specificato che si chiederà a tutti i centri finanziari di aderire e inoltre servirà una rapida trasposizione del nuovo standard globale nel diritto comunitario.

Bisogna considerare però un elemento molto significativo e cioè che tra i 44 Paesi che hanno aderito all'iniziativa non ci sono quelli che sono da sempre considerati i "paradisi fiscali" come per esempio la Svizzera e che sono quelli che ospitano il maggior numero di conti aperti da evasori fiscali.

Tuttavia, Italia, Francia Germania, Spagna e Regno Unito, attraverso il loro ministri del Tesoro, hanno fatto sapere di essere molto soddisfatti di essere gli "early adopters" del nuovo standard globale sullo scambio di informazione che sono uno sviluppo dell'iniziativa che è stata lanciata l'anno scorso dai G5 in tema di trasparenza. La speranza chiaramente è che ai primi Paesi pronti ad adottare il nuovo standard se ne aggiungano altri.

L'accordo di oggi è stato accolto con soddisfazione dal governo Renzi che proprio dalla lotta all'evasione fiscale spray di ottenere una buona parte delle risorse che servono per avviare le riforme.

Ministri dell'Economia di Italia e Germania

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail