Casa: l'Ance vede segnali di disgelo per il mercato immobiliare

L'associazione dei costruttori intravede segni di ripresa e invita il governo a non rimanere immobile.

Il mercato delle compravendite immobiliari dopo il terribile 2013 e un gennaio 2014 "glaciale" ha mostrato a febbraio segni di "disgelo". Così secondo il presidente dell'Associazione nazionale costruttori edili (Ance) Paolo Buzzetti che parla di "ripresina" del mercato immobiliare spiegando che comunque nel 2013 in un:

"quadro fortemente negativo con un crollo delle compravendite del 9,2% alcune città hanno mostrato dati positivi (Milano +3,4% e Bologna +1,5%)".

Di contro l'andamento rimane negativo per le altre grandi città italiane, Napoli in testa (-15,2% nel 2013), seguita da Genova (-10,3%) e dalla capitale (-7,3%). Buzzetti sottolinea i seppur timidi indizi di ripresa. Ad esempio un:


"dato molto positivo è la vicenda dei mutui delle banche che emettono finalmente prodotti accettabili".

Secondo le previsioni dell'Ance durante quest'anno il 6,4% degli italiani potrebbe acquistare un'abitazione o ristrutturarla. Il restante 93,6% non può soprattutto per il freno posto "dalle difficili condizioni economiche".

L'associazione sollecita il governo a introdurre incentivi, ad agire per aumentare le possibilità di accesso ai mutui e aggiunge che con la diffusione di case di classe energetica elevata:

"la propensione auto-dichiarata dagli italiani ad acquistare casa nel 2014 passerebbe da circa 3 milioni e 200mila a circa 11 milioni e 900 mila".

Come dire, la ripresina c'è, ma da solo il mercato non sembra capace di mettersi alle spalle la crisi che in un lustro ha fatto perdere al settore ben 690mila posti di lavoro. L'associazione dei costruttori ricorda che già a settembre 2013 l'edilizia abitativa aveva fatto vedere segnali di inversione del trend ma che poi la questione Imu-Tasi (con il nuovo regime di tassazione sugli immobili) ha raffreddato l'ottimismo bloccando di nuovo il mercato delle compravendite.

  casa ance 2014

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail