80 euro in più: la circolare dell'Agenzia delle Entrate

I chiarimenti delle Entrate per la riduzione del cuneo fiscale previsti dal dl 66/2014. La circolare n. 8/e.

L'operazione 80 euro in più in busta paga, per i redditi medio-bassi prende corpo. L'Agenzia delle Entrate ieri ha diffuso una circolare in cui fornisce le istruzioni per l'uso per il bonus che percepiranno i lavoratori dipendenti da maggio qualora ricorrano tre condizioni: tipo di reddito (appunto da lavoro dipendente), sussistenza di un’imposta a debito dopo le detrazioni per lavoro, importo del reddito complessivo annuo non superiore a 26.000 euro.

Chi e come. Tutte le fasi dell'operazione, spiega ancora la circolare 8/e, sono delegate al sostituto d'imposta (soggetto che attua le ritenute previste per legge, cioè il datore di lavoro, il committente di un autonomo, etc.) che procederà in automatico e in autonomia. I sostituti dovranno infatti riconoscere la spettanza di credito senza aspettare comunicazioni da parte dei beneficiari.

I sostituti d’imposta dovranno stabilire in base ai dati in loro possesso l’entità del credito stesso a seconda della fascia di reddito.

Quando. Il bonus verrà incluso dai sostituti d'imposta nelle buste-paga che verranno percepite dal mese prossimo, ma la circolare delle Entrate fa salva la possibilità che per ragioni tecniche il bonus possa scattare non a maggio ma a giugno 2014.

Se il sostituto d’imposta manca (il rapporto di lavoro è finito prima del mese di maggio) o non riconosce il credito il contribuente può richiedere che il bonus gli venga riconosciuto nella dichiarazione dei redditi del 2014.

Tale dichiarazione incrociata con i dati del 770 presentato dai sostituti d'imposta servirà per verificare quei bonus erogati nel corso dell’anno che in tutto o in parte non spettavano.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail