Telecom: utile -39% nel primo trimestre. Titolo giù a Piazza Affari

La diminuzione è da imputare specialmente al calo dei servizi mobile tradizionali. Ricavi core domestic -9,5%.

Telecom Italia rende noto oggi che nei primi tre mesi dell'anno ha conseguito un utile netto in calo del 39% a 222 milioni di euro, dai 364 milioni del primo trimestre del 2013.

I ricavi sono in flessione del 6,2% anno su anno, a 5,188 miliardi. A pesare soprattutto la riduzione dei ricavi core domestic che pari a 3,469 miliardi di euro e si sono contratti del 9,5% rispetto all'anno scorso.

L'Ebitda (margine operativo lordo) è pure calato del 5,7% anno su anno a 2,2 miliardi di euro, con un'incidenza sui ricavi del 42,4%, dal 40,8% del 1° trimestre dell'anno scorso. L'Ebitda della business unit domestic cala dell'8,2% a 1,792 miliardi.

L'Ebit (risultato operativo) è invece migliorato del 2,7% a quota 1,167 miliardi mentre quello domestic è sceso a 990 milioni di euro, cioè 83 milioni di euro in meno rispetto all'anno scorso, incidendo sui ricavi del 26,6%.

L'indebitamento finanziario netto rettificato di Telecom risulta essere pari a 27,529 miliardi, in crescita dai 26,807 miliardi della fine dell'ultimo esercizio ma in contrazione di circa 1,2 miliardi rispetto a gennaio-marzo 2013.

L'amministratore delegato di Telecom Italia Marco Patuano commentando la trimestrale del gruppo dice:

"Siamo complessivamente in linea con i nostri piani e i nostri target, che vedono una progressiva accelerazione della ripresa anno su anno".

La diminuzione dei ricavi è da imputare specialmente al calo dei servizi mobile (-16,9%) tradizionali come voce e messaging, a fronte di una crescita dell'internet mobile browsing (+11,4%) che però non basta a compensare.

Per l'esercizio 2014 il mercato delle telecomunicazioni secondo Telecom:

continua a essere caratterizzato da una flessione dei servizi tradizionali (accesso e voce) a fronte di un incremento dei servizi innovativi.

Si prevede:


che l'effetto combinato di questi fenomeni determini una ulteriore flessione complessiva del mercato domestico, comunque più contenuta rispetto a quella osservata nel 2013, e una crescita del mercato Brasile.

Anche se per il mercato domestico si stima per l'esercizio in corso:

un progressivo recupero della performance operativa anche grazie ai piani e alle azioni di riduzione e contenimento di costi

Dopo i conti del trimestre a Piazza Affari Telecom Italia stamattina parte in rosso e poi accelera nel ribasso perdendo dopo poco più di un'ora di contrattazioni il 2,5% a 0,901 euro.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail