Tasi: pagamento prima rata a ottobre

Per i comuni che non hanno deliberato le aliquote.

Il caos aliquote farà slittare l'acconto della Tasi a ottobre. L'anticipazione fornita ieri da ItaliaOggi è stata confermata dal presidente dell'Associazione comuni italiani (Anci) Piero Fassino.

La nuova data per il primo pagamento della tassa sui servizi indivisibili dovrebbe slittare al 16 ottobre per i contribuenti dei comuni che non avranno approvato le aliquote entro domani 23 maggio.

Per quelle poche amministrazioni cittadine che hanno già deliberato le aliquote la prima scadenza rimane quella originale, cioè il 16 giugno, in contemporanea con il pagamento dell’acconto Imu.


Non più metà settembre quindi per il rinvio l’acconto della nuova imposta sui servizi indivisibili come era stato stabilito inizialmente. Lo slittamento arriverà al mese successivo. Il 16 settembre infatti secondo il presidente dell'Anci era:

troppo vicino e con le elezioni amministrative e agosto di mezzo si sarebbe rischiata la confusione. Il 16 giugno, dunque, pagheranno i cittadini delle città che hanno fissato le aliquote, tra queste quasi tutti i grandi capoluoghi, ad ottobre sarà la volta degli altri comuni.

Per Fassino in ogni caso la Tasi non costerà di più della vecchia Imu sulla prima casa:

Su questo fanno testo le aliquote. L'Imu era minimo al 4 per mille, e mediamente si arrivava al 5 o al 6. Ora la Tasi minima è 2,5 per mille che può essere incrementata al massimo al 3,3 per mille. E' evidente che sulla prima casa si spende meno.

Secondo l'accordo Anci-ministero dell'Economia il pagamento della prima rata della Tasi è dunque rinviato al 16 ottobre 2014 soltanto per i cittadini-contribuenti titolari di immobili nei comuni che non hanno ancora deliberato le aliquote.

 tasi ottobre

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail