OsservaPrezzi: quanto risparmio con l'App sul prezzo dei carburanti

Per un pieno sul tragitto Bolzano-Rovereto la differenza di prezzo tra il distributore più caro e quello più economico arriva a 12 euro.

Il Centro tutela consumatori utenti, dati alla mano, mostra che facendo un confronto tra la media dei 10 prezzi dei carburanti più economici con la media dei 10 più cari, ne esce fuori una differenza, quindi un risparmio, di almeno 10 punti percentuali.

Usando la nuova App di comparazione dei prezzi dei carburanti creata dal Ministero dello Sviluppo tutto diventa più facile.

Ad esempio per un pieno di 45 litri di benzina, al self service, lungo il tragitto Bolzano-Rovereto la differenza di prezzo tra il distributore più caro e quello più economico arriva a 12 euro.

Tutti i gestori hanno l’obbligo di comunicare i prezzi alla banca dati del Mise che però non viene aggiornata tutti giorni, nonostante i benzinai abbiano l’obbligo di segnalare al volo ogni eventuale variazione all’insù del prezzo praticato. Ma il sistema è al debutto e non è escluso che venga migliorato nel prossimo futuro.


I consumatori scaricando l'app OsservaPrezzi possono fare il raffronto del prezzo di benzina e gasolio, scegliendo dove è più conveniente fare rifornimento al di là del luogo in cui si trovano i distributori, se in autostrada, superstrada e così via. L’applicazione messa a punto dal Ministero retto da Federica Guidi indica sempre il prezzo più conveniente, quello in modalità non servito (self service) se viene praticato per tutto il giorno.

Se dopo aver scelto il distributore più a buon mercato il cliente che si reca dal distributore trova sulla colonnina un prezzo più alto rispetto a quello pubblicato sul database del Ministero, il gestore andrà incontro a sanzioni amministrative con i Comuni che sono le autorità competenti a raccogliere la segnalazione e comminare poi le sanzioni tramite la polizia municipale.

Carburanti appMISE

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail