Il Giappone è il primo paese creditore al mondo

I dati del ministero delle finanze nipponico

Il Giappone per il 23esimo anno di fila si conferma nel 2013 il primo paese creditore al mondo, subito prima della Cina che sta man mano assottigliando la differenza.

Così secondo i dati diffusi dal ministero delle finanze del Paese del Sol Levante secondo i quali al 31 dicembre dell'anno scorso il valore totale lordo degli asset stranieri detenuti dal Giappone era pari a 797.000 miliardi di yen, il 20,4% in più rispetto all'anno precedente.

A guidare il balzo soprattutto la politica monetaria praticata dalla banca centrale nipponica, la Boj, con il forte deprezzamento dello yen nei confronti del dollaro e dell'euro.

La valuta giapponese ha perso il 22% contro il dollaro Usa e il 28% nei confronti della moneta unica europea nel corso del 2013, quindi il valore degli asset stranieri calcolati in termini di yen è di conseguenza cresciuto.

Al netto delle passività delle imprese giapponesi detenute nei confronti di paesi stranieri (azioni di società nipponiche e obbligazioni in possesso di investitori esteri) gli asset stranieri netti nelle mani, anzi nelle casse, del Giappone, si attestano nel 2013 a 325.000 mld di yen, il 9,7% in più sul 2012.

Sempre in base al conteggio del ministero delle finanze nipponico per il settimo anno consecutivo la Cina si piazza invece al secondo posto nella classifica dei Paesi creditori con 208.000 miliardi di yen di asset stranieri netti, facendo calare la differenza con il Giappone a 117.000 miliardi di yen dai 146.000 mld del 2012.

JAPAN-STOCKS

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail