TASI più salata dell'IMU per una famiglia su due

La simulazione del servizio Politiche territoriali del sindacato Uil.

Per il 50% delle famiglie italiane, una su due, la Tasi, la tassa sui servizi indivisibili dei Comuni, presenterà un conto più alto dell'Imu.

Così secondo una simulazione del servizio Politiche territoriali della Uil sulla nuova tassa sugli immobili, che in pratica ha sostituito l'Imu sulla prima casa mentre se ne sbandierava l'abolizione.

Secondo la simulazione della Uil su 180 famiglie residenti nei 45 Comuni capoluogo che hanno già stabilito e pubblicato le aliquote, in oltre il 50% di essi (52,8%) la Tasi sarà più costosa dell'Imu pagata nel 2012.

Ad esempio per la tipologia di casa A/3, su 90 famiglie che formavano del campione la Tasi costerà in media 136 euro a fronte dei 111 euro pagati con l'Imu nel 2012, 25 euro in più, mentre per la tipologia A/2 mediamente la Tasi costerà 305 euro contro i 334 euro dell'Imu 2012.

Per una casa accatastata con la tipologia A/3 su 45 famiglie senza figli, per 23 di esse, cioè il 51,1% del totale del campione, la Tasi sarà più salata dell'Imu. Per lo stesso tipo di immobile, ma con 1 figlio, la Tasi peserà più dell'Imu per 32 famiglie, ovvero il 71,1% del totale del campione.

Per un appartamento accatastato in categoria A/2, considerando un campione di 45 famiglie senza figli, per il 40% dei nuclei la Tasi costerà più dell'Imu del 2012; mentre con 1 figlio in casa la Tasi si rivelerà più pesante per 22 famiglie, il 48,9% del campione.

Per quanto riguarda la metodologia e il campione utilizzato, i calcoli della Uil si riferiscono a una casa di 5 vani accatastata in A/3, per una rendita di 450 euro, abitata da una famiglia con reddito Isee di 10mila euro e a un appartamento sempre di 5 vani, accatastato in categoria A/2 (rendita 750 euro), abitato da un nucleo familiare con un reddito Isee pari a 16mila euro.

La prima rata della Tasi relativa a tutti gli immobili scade domani 16 giugno per quei Comuni che hanno fissato l'aliquota entro il 31 maggio, per tutti gli altri (6mila comuni circa) il primo appuntamento con il pagamento della tassa è stato rinviato al 16 ottobre.

Imu tasi prima rata  ottobre

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail