Auto, mercato in ripresa in Europa ma non in Italia

Fiat-Chrysler (FCA) fa segnare una diminuzione del 2,9% su base annua delle immatricolazioni nell'area Ue a 28+Efta.

A maggio 2014 il mercato dell'auto appare in ripresa in Europa fatta eccezione per in Italia secondo i dati dell'Acea, l'associazione di costruttori europei di auto. Le immatricolazioni nel territorio Ue/Efta sono cresciute del 4,3% rispetto a maggio dell'anno scorso per arrivare a quota 1,13 milioni.

Nel progressivo annuo le immatricolazioni registrate dall'Acea sono state 5,619 milioni, il 6,6% in più tendenziale. Tra i principali mercati del vecchio continente, l'Italia è l'unico dove le immatricolazioni fanno segnare un calo (-3,8%). A mostrare gli aumenti più forti sono il Regno Unito (+7,7%), la Germania (+5,2%) ma soprattutto la Spagna (+16,9%).

Fiat-Chrysler (FCA) a maggio fa segnare una diminuzione delle immatricolazioni nell'area Ue a 28+Efta del 2,9% su base annua, per 71.806 unità vendute e una quota di mercato che scende dal 6,8% di un anno fa al 6,3%.

Su base mensile le vendite d Fiat-Chrysler hanno risentito parecchio del dato negativo del mercato italiano e a sostenerle è stato soprattutto il marchio Jeep, con le immatricolazioni cresciute del 96,7%. Bene anche le immatricolazioni di Maserati e Ferrari (+79,6%), mentre il marchio Fiat ha subito un calo del 4,5%, il brand Lancia/Chrysler del 2,3% e quello Alfa Romeo addirittura del 19,2%.

Nel periodo gennaio-maggio 2014 le immatricolazioni del gruppo FCA sono in miglioramento dell'1,4% a 345.371 per una quota di mercato che è però in calo dal 6,5% al 6,1%.

Superbollo auto da cancellare

  • shares
  • +1
  • Mail