Disoccupazione giovanile: +25% in quattro anni

Con la crisi cresce anche l’allarme disoccupazione, nella fascia di età compresa tra i 15 e i 34 anni. Secondo gli ultimi dati forniti dall'Istat infatti la disoccupazione giovanile in Italia è aumentata del 25,3% negli ultimi 4 anni.

Dal 2007 in poi e fino al 2011 la situazione è peggiorata specie al Nord dove la disoccupazione ha fatto registrare un incremento del 51,2% portando il dato complessivo al 32,2%. Al Sud il tasso di 15-34enni disoccupati si attesta al 49, 2%.

In base ai dati forniti dall’Istat nel periodo pre crisi, su un totale di 900mila giovani disoccupati il 56,7% era concentrato nel Sud Italia (510mila), il 26,6% al Nord (240mila) e il 16,8% nel Centro (151mila) .

Oggi il numero complessivo di persone in cerca di un lavoro arriva a quota 1.128.000 e un terzo della disoccupazione è concentrata al Nord, con 363mila unità. Il resto dei disoccupati tocca soglia 210.000 unità al Centro e 555.000 unità al Sud.

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail