Equitalia: dalla sanatoria 725 milioni. Riparte la riscossione

Il 15 giugno si è chiusa la rottamazione dei ruoli, si riparte con la normale attività di riscossione.

La sanatoria prevista dalla legge di stabilità 2014 sulla cartelle esattoriali di Equitalia, che ha permesso ai contribuenti di pagare in un'unica soluzione e senza interessi cartelle e avvisi di accertamento esecutivi affidati entro il 31 ottobre 2013 all'agenzia di riscossione, ha fatto incassare all'erario 725,5 milioni di euro per 145 mila adesioni totali.

Questo il bilancio della rottamazione dei ruoli, i cui termini per aderire sono scaduti il 15 giugno. Da quella data Equitalia ha ripreso le normali procedure di recupero previste dalla legge, appunto sospese nel corso del 2014 e fino alla metà di giugno.

Le varie proroghe delle attività di riscossione sui crediti relativi a ruoli e accertamenti esecutivi in capo ad Equitalia fino al 31 ottobre 2013 hanno congelato per oltre sei mesi sia le attività di riscossione sia termini di prescrizione per appunto consentire ai contribuenti l’adesione alla sanatoria e il versamento delle somme dovute in unica tranche .

Chiusa la rottamazione dei ruoli Equitalia, al fine di riscuotere i crediti degli enti impositori, invierà avvisi e solleciti riepilogativi del debito agli interessati, fornendo le indicazioni per pagare e per quello che è necessario fare per non incorrere in procedure cautelari ed esecutive.

L'attività sarà abbastanza consistente, interesserà infatti una parte rilevante dei contribuenti con gli sportelli sul territorio e gli altri canali dell'Agenzia, compreso il sito online, pronti a fornire la richiesta assistenza ai cittadini-contribuenti.

Equitalia pignora

  • shares
  • +1
  • Mail