Saldi estivi: acquisti per 7 italiani su 10, spesa da 4 miliardi

Confesercenti: 28,6 milioni gli italiani che approfitteranno dei saldi, grazie alla spinta dal bonus fiscale di 80 euro. Le associazioni dei consumatori parlano di stime troppo ottimistiche.

Secondo Confesercenti dei saldi estivi 2014 approfitteranno quasi 30 milioni di persone per una spesa complessiva che si aggirerà sui 4 miliardi di euro. Una inversione del trend nei consumi degli italiani che sarà agevolata dal bonus fiscale di 80 euro del governo Renzi, in busta paga da maggio per quasi 10 milioni di lavoratori dipendenti dal reddito medio-basso.

Confesercenti vede rosa e stima che un quasi un beneficiario su due userà il credito d'imposta per fare acquisti durante questi saldi di fine stagione (qui il calendario) ormai iniziati in tutta Italia.

Roberto Manzoni, presidente di Fismo, associazione di categoria di Confesercenti che riunisce gli esercenti della moda, spiega che:

"Saranno il 65% - circa 28,6 milioni - gli italiani che approfitteranno dei saldi estivi per acquistare abbigliamento, con una spesa complessiva prevista intorno ai 4 miliardi. Se queste previsioni fossero confermate, sarebbe finalmente un'inversione di tendenza dopo anni e anni di diminuzione dei fatturati".

Secondo il sondaggio di Confesercenti-Swg sulle intenzioni di acquisto dei consumatori:


" emerge che gli italiani hanno ben chiara l'occasione costituita dalle vendite di fine stagione. Soprattutto quest'anno, visto che la crisi ha pesato molto sulla spesa per abbigliamento delle famiglie del nostro Paese: il 36% delle persone che abbiamo intervistato ha dichiarato di non aver più rinnovato il proprio guardaroba estivo fin dagli ultimi saldi, mentre il 30% ha ammesso di aver rinunciato da ancora maggior tempo. Oltre ad un'alta partecipazione, abbiamo registrato anche la forte volontà da parte dei clienti di usare i saldi per ottenere prodotti di pregio ad un prezzo conveniente: il 47% punterà all'acquisto di vestiti ed accessori di alta qualità, mentre il 17% girerà per negozi alla ricerca di prodotti firmati. Quest'anno potranno fare ottimi affari: il 76% dei negozi italiani praticherà sconti iniziali compresi tra il 30 ed il 40%".

Previsioni che sono invece considerate tropo ottimistiche dalle associazioni dei consumatori. Secondo Federconsumatori e Adusbef solo una famiglia su tre farà acquisti, spendendo non più di 113 euro a nucleo. Per il Codacons anche quest’anno ci sarà una riduzione delle vendite, anche se più contenuta rispetto al passato:

“il calo delle vendite rispetto ai precedenti saldi del 2013 si attesterà attorno al -8%, con una spesa procapite che non supererà quota 65 euro. Meno di una famiglia su due (il 45% circa) approfitterà dei saldi per fare qualche acquisto, prestando molta più attenzione degli anni passati al fattore prezzo e confrontando i listini dei vari negozi prima di effettuare compere. Se nel 2008 la spesa complessiva delle famiglie durante gli sconti estivi di fine stagione era stata di circa 4 miliardi di euro, quest’anno si attesterà attorno a 1,8 miliardi di euro, ben 2,2 miliardi di euro in meno spesi durante i saldi in soli 6 anni”.

Più ottimismo invece anche da parte dell’Ufficio studi di Confcommercio, secondo cui la spesa media per persona sarà di 100 euro e ogni famiglia spenderà mediamente per l’acquisto di abbigliamento e calzature scontati 237 euro, per 3,7 miliardi di spesa totale.

Saldi gennaio 2014

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail