Ue, Padoan: rafforzare incentivi per le riforme e uso lungimirante delle regole

Il titolare di via XX settembre e presidente di turno dell'Ecofin al parlamento europeo: "per i governi i costi politici e sociali delle riforme sono immediati, ma i benefici richiedono tempo".

Il ministro dell'economia italiano Piercarlo Padoan stamattina presso la Commissione problemi economici e monetari dell'europarlamento ha ha presentato il programma di presidenza italiana del Consiglio Ue:

"Le politiche per l'occupazione e la crescita sono centrali per la Ue e una crescita sostenuta è condizione per la sostenibilità finanziaria e delle finanze pubbliche".

Padoan, presidente di turno dell'Ecofin, il consiglio dei ministri dell'economia e delle finanze degli stati UE ha rassicurato sul fatto che per l'Italia:

"non si tratta di cambiare le regole, ma di usare quelle che ci sono con lungimiranza".

Secondo Padoan vanno usate "al meglio" le regole sui bilanci pubblici, sfruttando tutti i margini di manovra possibili. Per quel che riguarda le riforme strutturali queste saranno al centro del programma di presidenza italiana del Consiglio dell'Unione sia perché sono secondo il ministro una delle determinanti principali della crescita ma anche perché in Europa bisogna rafforzare gli incentivi per realizzare le riforme.

Il ministro ha osservato che:

"per i governi i costi politici e sociali delle riforme sono immediati, mentre i benefici richiedono tempo".

E che per le riforme serve:

"uno sforzo ampio a livello nazionale e simultaneo in tutti stati membri. Lo sforzo riformatore deve beneficare dell'azione congiunta da cui possono arriva effetti positivi".

In Italia ha aggiunto Padoan il processo riformatore è in corso per far ripartire la crescita economica:

"l'Italia ha una crescita molto bassa da lungo tempo e per un paese con un alto debito il modo per uscire dal debito è crescere, non ci sono scorciatoie"

Secondo gli ultimi dati Istat il pil italiano, che nell'ultima parte del 2013 a fatica aveva rialzato la testa dopo 2 anni di recessione, nel primo trimestre del 2014 è tornato negativo (-0,1%).

Pier Carlo Padoan - Ecofin - Tobin Tax

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail