I vestiti nuovi del modello Unico

Modello Unico 2007 Tra lenzuolate e riforme fiscali il modello Unico cambia veste: nuove scadenze e versamenti rimodulano la dichiarazione dei redditi di persone fisiche e giuridiche. Farà inoltre capolino in dichiarazione l'indicazione dell'Ici e del codice del comune di riferimento. L'Agenzia delle Entrate ha provveduto alla pubblicazione in bozza dei nuovi modelli per Persone Fisiche, Società di persone, Società di capitali e Enti non commerciali.

Novità in Unico

Scadenze e versmenti

Cambiano le scadenze di consegna dei moduli e di pagamento delle imposte, per consentire una piena compensazione tra Ici e Irpef, ma bisognerà ancora applicare le vecchie aliquote e le deduzioni previste prima della legge Finanziaria. Le novità della Finanziaria incideranno infatti sulle dichiarazioni del 2008 in riferimento ai redditi percepiti durante quest'anno fiscale.
Andrà consegnato entro il 2 luglio (al posto del 31 luglio), se su modello cartaceo, oppure entro il 31 luglio (e non più il 31 ottobre) se la presentazione viene effettuata per via telematica.
Per quanto riguarda i versamenti la prima rata rimane fissata per il 16 giugno (o il 16 luglio con una maggiorazione). Oltre all' Irpef, però, potrà essere versata anche l' Ici (il cui termine viene anticipato dal 30 al 16 giugno) effettuando anche eventuali compensazioni tra tributi. L' acconto, invece, è fissato sempre per il 30 novembre (mentre per l' Ici il versamento del saldo è fissato al 16 dicembre). Tra le novità c'é anche l' arrivo dell' acconto dell' addizionale comunale all'Irpef dovuta per l' anno 2007: sarà pari al 30% dell' imposta dovuta.(v. ANSA)

Incentivi per le ristrutturazioni

Approvata in via definitiva la seconda lenzuolata di liberalizzazioni che da il via libera al bonus ristrutturazione, si potranno indicare le spese sostenute dal 2000 al 1 ottobre 2005 per ottenere una detrazione Irpef del 41%. Scende al 36% il bonus per le spese sostenute dopo il 1 ottobre 2005 fino al 30 settembre 2006.
Per gli interventi di ammodernamento e riqualificazione ad alto valore ambientale saranno invece predisposti sgravi del 55% (v. articolo)

Società

Pubblicati in bozza dall'Agenzia delle Entrate anche i nuovi moduli per gli enti non commerciali e per le società di persone. Nuove modalità per la determinazione del reddito delle imprese collegate alla possibilità per gli enti non commerciali di riportare alcune perdite in modo illimitato (per il periodo iniziale di avvio), fino ai nuovi criteri per stabilire se una controllata è una società "non operativa", una cosiddetta "società di comodo".

  • shares
  • +1
  • Mail