Financial Times: banche USA in Irlanda se Londra esce dall'Ue

L'ipotesi è dell'autorevole Financial Times

Le grandi banche d'affari e commerciali americane dalla piazza finanziaria di Wall Street si starebbero preparando a traslocare il grosso delle loro operazioni dalla city di Londra, la seconda borsa mondiale dopo New York e la prima del vecchio continente, all'Irlanda.

Questo nel caso in cui il Regno Unito - che com'è noto non fa parte dell'eurozona - abbia in programma di uscire dall'Unione europea.

A scriverlo, ieri, è stato l'autorevole Financial Times che cita banche del calibro di Citigroup, Morgan Stanley e Bank of America. I piani di tali istituti per trasferirsi armi e bagagli da Londra in Irlanda sarebbero ancora allo stato nascente, ma una spinta ulteriore per il passaggio di parte delle loro attività a Dublino potrebbe arrivare dal fatto che lì il fisco è ancora più clemente.

Se il presunto piano avrà un seguito lo sapremo probabilmente solo nel 2017, il premier inglese David Camwron ha promesso un referendum per quella data sulla permanenza del Regno Unito nell'Ue se verrà rieletto l'anno prossimo, con l'incognita degli eurofobici dell'Ukip che rimane lì come un'ombra.

titoli di stato italiani 2014

  • shares
  • +1
  • Mail