Lavoro, Ocse: "In Italia i giovani sono precari per il 52,5%"

Percentuale in lieve calo rispetto all'anno scorso, ma sempre allarmante.

L'Ocse, l'Organizzazione per la cooperazione economica e lo sviluppo, ha diffuso l'Employment Outlook elaborato sulla base dei dati del 2013 dal quale emerge che in Italia il 40% dei giovani under 25 è disoccupato, per la precisione non lavorano il 39% degli uomini e il 41,4% delle donne. E tra coloro che lavorano il 52,5% ha un contratto a tempo determinato.

Anche lo scorso anno quando è uscito il rapporto sui dati del 2012 il titolo più gettonato è stato "Precario un giovane su due" e in dodici mesi la percentuale di precari si è abbassata di pochissimo (era del 52,9%), mentre è di molto superiore rispetto agli anni precedenti alla crisi: nel 2007 era del 42,3% e nel 2000 era addirittura la metà (26,2%).

Andando più nel particolare, emerge che il 36,3% degli under 25 italiani occupati svolgono lo stesso lavoro per meno di 12 mesi e tra le donne questa percentuale sale al 40,2%.

Ancora più preoccupante è il fatto che continua a salire la percentuale dei Neet ossia i giovani che non stanno frequentando corsi di formazione né lavorano, in pratica non fanno nulla: alla fine del 2013 è stato registrato un aumento del 6,1% toccando quota 22,4%. Per i Neet è sempre più concreto l rischio di vedere le proprie prospettive di occupazione e di remunerazione calare sempre di più perché l'inattività non fa di certo bene al curriculum.

Per il 2014, l'anno in corso, si prevede un ulteriore aumento della disoccupazione, ma dovrebbe poi calare nel 2015. Per quanto riguarda gli altri Paesi dell'area Ocse, nel totale i disoccupati sono 45 milioni ossia 11,9 milioni in più rispetto al periodo immediatamente precedente alla crisi. E tra questi più del 35% (16,3 milioni) è senza lavoro da almeno un anno. In Italia è ancora peggio perché i disoccupati da almeno 12 mesi sono addirittura il 57% e tra gli over 55 questa percentuale sale al 61,5%.

Ricerca lavoro

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail