Bankitalia: a luglio nuovo calo dei prestiti a imprese e famiglie

In crescita i depositi: +2,9%. Raccolta obbligazionaria in calo.

Nuovo crollo a luglio dei prestiti alle imprese per un calo del 3,9% su base annua, dal -3,1 per cento di giugno. In dodici mesi i prestiti alle famiglie sono invece scesi dello 0,8% come nel mese precedente secondo i dati diffusi oggi dalla Banca d'Italia.

Il dato sui prestiti al settore privato, corretto tenendo conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, fa segnare una flessione tendenziale del 2,6%, dal -2,3 per cento di giugno.

In lieve diminuzione a luglio è invece il trend di crescita delle sofferenze bancarie. Nel comunicato diffuso da Palazzo Koch sulle "principali voci dei bilanci bancari" si legge che il tasso di crescita sui dodici mesi è stato pari al 20,5%, dal 20,8% rivisto di giugno, dato che prende in considerazione le discontinuità statistiche.

Per quanto riguarda la raccolta bancaria si conferma in crescita il trend dei depositi del settore privato, con il +2,9% tendenziale di luglio, dal +2,4% su base annua fatto registrare a giugno. Diminuisce invece la raccolta obbligazionaria, che comprende i prestiti detenuti dal sistema bancario, in calo del 13,4% dal -12,1% di giugno.

I tassi d'interesse sui mutui casa (comprensivi delle spese accessorie) sui finanziamenti erogati sempre luglio alle famiglie per l'acquisto di abitazioni sono calati al 3,49% dal 3,55% del precedente mese di giugno, quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo però sono cresciuti al 9,29%, dal 9,27% di giugno.

IMG_Bankitalia Sede di Roma Via XXsettembre

  • shares
  • +1
  • Mail