Scozia, fuga di capitali prima del referendum

Clienti e società di investimento temono le conseguenze dell’indipendenza scozzese, ma i dubbi riguardano anche il futuro della moneta nazionale

La fuga dei capitali dalla Scozia è già cominciata. Il referendum nel quale i cittadini scozzesi verranno chiamati a esprimersi riguardo all’Indipendenza dal Regno Unito sta producendo una fuga di capitali quantificabile – secondo il Financial Times – in centinaia di milioni di sterline.

Si muovono i singoli clienti e le società di investimenti: le imprevedibili conseguenze dell’indipendenza fanno paura. Si teme che in caso di vittoria del fronte indipendentista, il governo di Edimburgo decida di bloccare un’eventuale fuga di capitali. Ma c’è un’altra questione in ballo: Mark Carney, governatore della Banca d’Inghilterra, ha dichiarato ieri che la sovranità scozzese sarebbe incompatibile con il mantenimento della sterlina come moneta nazionale. Un’incognita, quella della moneta, che ne trascina un’altra con sé: che ne sarà del debito nazionale dopo l’indipendenza? Il premier Alex Salmond ha risposto provocatoriamente a chi gli chiedeva lumi sulla questione: “Cosa possono fare gli inglesi se non paghiamo la nostra parte, invaderci?”.

E il Financial Times ha rivelato che ci sarebbero altri segnali sul nervosismo suscitato in campo economico dall’imminente referendum: nei contratti sulle proprietà commerciali scozzesi vengono inserite clausole sull’uscita dalla Gran Bretagna che consentono la rinegoziazione dei prezzi o addirittura l’annullamento degli accordi qualora gli scozzesi scelgano la strada dell’indipendenza.

Ma il contraccolpo sarebbe duro anche per ciò che resterebbe della Gran Bretagna ovverosia Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord. Secessione potrebbe fare rima con recessione, interrompendo i segnali di crescita evidenziati dall’economia britannica negli ultimi mesi. Insomma l’indipendenza scozzese potrebbe essere una débacle economica per tutti.

Party Leaders Campaign To Save The Union

Via | Financial Times

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail