Titoli di Stato | BTP Italia | Venduti bond per 5,2 miliardi

Il nuovo Btp Italia, in decima edizione: il titolo che protegge dai rischi della deflazione.

Btp Italia 2016 caratteristiche ed emissione

20 ottobre 2016. La decima emissione del Btp Italia si è chiusa piazzando 5,2 miliardi di euro di titoli. 2,2 miliardi sono stati assegnati ai risparmiatori retail e 3 mld agli istituzionali. Per il nuovo titolo di Stato indicizzato all'inflazione italiana, con godimento 24 ottobre 2016 e scadenza 24 ottobre 2024, il tasso cedolare reale annuo definitivo è pari a 0,35% e sarà pagato in due cedole semestrali.

Titoli di Stato | BTP Italia | Venduti 1,2 miliardi 1° giorno

18 ottobre 2016. Il BTP Italia nel primo giorno del collocamento, in decima edizione, ha raccolto ieri poco meno di 1,2 miliardi di euro. Le richieste fino a mercoledi sono riservata alla clientela retail (risparmiatori) mentre l'emissione dei BTP indicizzati all'inflazione da giovedì sarà rivolta agli istituzionali (banche). Finora le richieste sono state pari a 1,19 miliardi per 15.009 contratti sottoscritti.

Il BTP Italia emesso ad aprile scorso, il nono delle serie, aveva registrato nella prima giornata sottoscrizioni per 2,3 miliardi per concludere a 8 miliardi di cui 4,2 miliardi retail e 3,8 miliardi dagli istituzionali. Il collocamento di questa decima edizione del BTP Italia terminerà il 20 ottobre.

La scadenza del titolo di stato è il 24 ottobre 2024, la cedola minima garantita è dello 0,35% con emissione alla pari ovvero sia la quotazione iniziale è uguale a 100. Chi acquista nella prima fase del collocamento, e mantiene il titolo sino a scadenza, c’è un premio fedeltà del 4 per mille del valore nominale in più alla fine del periodo di durata.

Titoli di Stato | BTP Italia 2024 | Richieste in calo

Per il BTP Italia 2024 richieste in calo rispetto alla precedente emissione per la clientela retail. Il nono collocamento del titolo di Stato indicizzato all'inflazione nazionale ha raccolto richieste pari a 503 milioni di euro nel terzo giorno di emissione, per un totale al totale circa 4,2 miliardi in tre giorni secondo quanto comunica Borsa Italiana. Nella precedente emissione, quella dell'anno scorso il BTP Italia aveva raccolto sottoscrizioni per 527 milioni nel terzo giorno per un totale di 5,4 miliardi.

Aggiornamento ore 14:30 - Ordini pari a 1,13 miliardi di euro per il nuovo BTP Italia aprile 2024 al debutto oggi nel primo giorno del collocamento, destinato ai risparmiatori retail.

Oggi 4 aprile 2016 parte la nuova emissione del BTP Italia 2026, il titolo di Stato indicizzato al tasso di inflazione nazionale. Per i risparmiatori individuali, la clientela retail, il collocamento sarà da lunedì 4 a mercoledì 6 aprile, salvo chiusura anticipata (possibile già giorno 5); il 7 aprile ci sarà invece l'offerta riservata agli investitori istituzionali.

La durata del BTP Italia è pari a 8 anni con una cedola minima garantita annua (tasso cedolare reale garantito) dello 0,4%. Il titolo ha decorrenza 11 aprile 2016 e scadenza l'11 aprile 2024. L’emissione avrà luogo sul Mercato Telematico delle Obbligazioni e Titoli di Stato (MOT) di Borsa Italiano attraverso Banca IMI e UniCredit. Il tasso cedolare (reale) annuo definitivo sarà fissato alla fine del periodo di raccolta degli ordini di acquisto e non potrà essere inferiore al tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito.

Le caratteristiche della nona emissione del BTP Italia sono simili a quelle delle precedenti emissioni del titolo di Stato, cioè cedole semestrali indicizzate all'inflazione alle quali va sommato il pagamento del recupero dell’inflazione maturata nel semestre e il rimborso unico a scadenza. Per chi acquista il titolo durante la fase del collocamento dedicata ai risparmiatori individuali e altri affini e lo conserva fino a scadenza è previsto un premio fedeltà all'atto del rimborso.

Titoli di Stato | Emissione BTP Italia 4-7 aprile

22 marzo 2016

Il BTP Italia, titolo di Stato indicizzati al tasso di inflazione nazionale, con scadenza nel 2024, torna ad aprile 2016. Da lunedì 4 a mercoledì 6 aprile l'offerta sarà riservata a risparmiatori individuali e e affini, mentre il 7 aprile la mattinata è riservata agli investitori istituzionali.

Per la clientele retail si tratta invece di tre giorni che potranno scendere a due in caso di chiusura anticipata. Per gli istituzionali l'emissione potrebbe prevedere un riparto, qualora il totale degli ordini ricevuti risultasse superiore all’offerta finale stabilita dal Ministero dell'economia e delle finanze.

Per i piccoli risparmiatori invece non c'è tetto massimo, ma la completa soddisfazione degli ordini, ricalcando quanto avvenuto nelle precedenti emissioni. Nel 2016, come già l'anno scorso, i BTP Italia avranno durata 8 anni e avranno le stesse caratteristiche finanziarie di quelli proposti a partire dal 2012.

Il tasso d'interesse reale annuo minimo del BTP Italia 2024 sarà comunicato l'1 aprile 2016. Per ulteriori informazioni il Gruppo di informazione del Debito Pubblico mette a disposizione degli investitori l’indirizzo e-mail: dt.gruppo.info@tesoro.it.

Titoli di Stato | Risultati collocamento Btp Italia aprile 2023

16 aprile 2015. Del Btp Italia ottava tranche, in scadenza ad aprile 2023, sono stati collocati 9,379 miliardi di euro di cui 5,379 miliardi agli investitori privati e 4 miliardi agli investitori istituzionali: per quest'ultimi l'emissione c'è stata questa mattina con 687 richieste e cedola confermata al livello base dello 0,5%.

Il Tesoro ha scelto per il riparto del 74,3% rispetto a richieste da parte degli istituzionali per complessivi 5,384 miliardi, spiega Via XX settembre in una nota.

La scelta del riparto deriva probabilmente dalla volontà di assicurare che la quota maggiore dell'emissione andasse comunque ai piccoli risparmiatori, come giusto che sia. Con un target in mente diciamo sui 10 miliardi totali, il Tesoro ha fatto cifra tonda per arrivare lì vicino

spiega un banchiere a Reuters.


"Nonostante la bassa cedola, soprattutto per gli istituzionali la curva indicizzata italiana offriva del valore, quindi la risposta è stata buona, anche se probabilmente questa volta la domanda degli esteri è asta un po' più bassa. Ad ogni modo il Tesoro non ha tutta questa urgenza di collocare, 10 miliardi sono una cifra più che sufficiente per arrivare a fine anno tranquillamente mantenendo aperti gli altri canali d'offerta"

secondo un operatore citato dalla stessa agenzia stampa.

Titoli di Stato | Chiusura anticipata per il Btp Italia

15 aprile 2015. Il Tesoro ha optato per la chiusura anticipata della prima fase del collocamento del Btp Italia ottava tranche per investitori retail. Questo

in considerazione dell'andamento del collocamento della prima e seconda giornata, che hanno registrato contratti per un controvalore complessivo di 4.851,067 milioni di euro.

Oggi 15 aprile 2015 alle ore 14:00 il collocamento sarà chiuso:

per gli investitori ammessi a tale fase, sarà ancora possibile acquistare il Btp Italia e, in particolare, saranno soddisfatte per intero tutte le proposte irrevocabili di acquisto di questo titolo immesse sul Mot (il Mercato Telematico delle Obbligazioni e Titoli di Stato) che abbiano determinato la conclusione di contratti entro l'ora di efficacia della chiusura anticipata

si legge nel comunicato diffuso ieri sera dal Ministero dell'Economia e delle Finanze. Il Tesoro con questa emissione ha quasi raggiunto il target di oltre 100 miliardi di euro, visti i 94 miliardi del BTP Italia raccolti con le emissioni precedente. Dopo chiusura per i privati giovedì 17 aprile sarà il turno degli investitori istituzionali, per almeno altri 3 miliardi di sottoscrizioni previste.

Titoli di Stato | Btp Italia aprile 2023: emissione 13-15 aprile 2015

14 aprile 2015. Le richieste per BTP Italia in scadenza ad aprile 2023, in collocamento dal 13 al 15 aprile 2015, ieri sono state più alte in confronto al primo giorno dell’emissione precedente, di fine ottobre 2014, quando la durata del titolo obbligazionario era però inferiore. La prima giornata di collocamento del nuovo BTP Italia ha fatto segnare ordini per 3,377 miliardi di euro.

Cos’è il BTP Italia, caratteristiche. È il titolo di Stato del Tesoro indicizzato all'inflazione italiana, con cedole semestrali pensato per le esigenze di risparmiatori e investitori retail. La giornata di ieri, di oggi e quella di mercoledì sono destinate alla raccolta degli ordini degli investitori retail, salvo chiusura anticipata dell'emissione.

L’ottava tranche del BTp Italia è la prima con scadenza 8 anni, dai 6 precedenti. La cedola minima reale è dello 0,50% ed è previsto un premio fedeltà del 4 per mille lordo per chi acquista il titolo in emissione e lo detiene fino alla scadenza.

Il codice Isin è IT0005105835 con Premio Fedeltà e IT0005105843 senza Premio Fedeltà. Il taglio minino sottoscrivibile è di 1.000 euro

Titoli di Stato | Btp Italia ottobre 2020 contro la deflazione

A metà mattina di oggi le richieste per il nuovo Btp Italia ottobre 2020, con ordini partiti alle 9 di oggi, ha già superato il miliardo di euro secondo l'agenzia Reuters. Il titolo del Tesoro indicizzato all'inflazione italiana assicura al sottoscrittore un tasso cedolare reale minimo pari a 1,15%.

Salvo chiusura anticipata dell'emissione fino a mercoledì 22 il collocamento sarà destinato solo agli investitori retail, giovedì 23 ottobre toccherà invece agli investitori istituzionali.

Il dipartimento del Tesoro del Mef a proposito degli istituzionali aveva già comunicato il mese scorso che si sarebbe riservato di procedere a un'assegnazione con riparto qualora la quantità raccolta superi quella che si intende piazzare. Attraverso le sei precedenti emissioni del Btp Italia, il Tesoro ha raccolto in tutto qualcosa come 87 miliardi di euro.

Il Btp Italia per come è strutturato protegge dai rischi della deflazione, in cui l'Italia è ufficialmente piombata ad agosto, perché prevede (in caso di indice dei prezzi al consumo su valori negativi) il rimborso garantito del capitale nominale a scadenza. Pure le cedole vengono calcolate sul capitale nominale investito.

Btp Italia, nuova emissione nella settimana dal 20 ottobre

18 settembre 2014. L'emissione del nuovo Btp Italia da parte del Tesoro avverrà nella settimana del 20 ottobre. A fare l'annuncio è stato il direttore generale del settore debito pubblico del Ministero dell'economia e delle finanze (Mef) Maria Cannata alla fine del convegno di Euromoney a Milano precisando che:

"Il target sarà assolutamente inferiore alle volte precedenti. Ci sarà un meccanismo di riparto per le richieste degli istituzionali che abbiamo già preparato con Borsa"

sulla cui piattaforma saranno raccolti gli ordini. L'emissione avrà quindi un meccanismo di riparto per gli investitori istituzionali. La novità per il titolo indicizzato all'inflazione italiana arriva dopo che nell'emissione precedente, ad aprile scorso, la domanda di Btp Italia aveva surclassato l'offerta del Tesoro.


Il tetto con il riparto per gli istituzionali sarà comunicato dopo aver esaminato le richieste retail in prossimità dell'emissione di fine ottobre:

"Vedremo come andrà la domanda retail e in base a quella tareremo il tetto"

ha detto Cannata che ha ben presente la congiuntura di tassi d'interesse bassi e deflazione.

Il netto calo dei tassi di interesse sui titoli del nostro debito non è buona notizia per i risparmiatori ma lo è per le casse dello Stato, il Tesoro potrà quindi chiudere il 2014 con un ammontare di aste al di sotto dell'obiettivo inizialmente previsto.

La vendita di titoli di Stato sopra la pari ha già consentito di tagliare da 470 da 460 la raccolta nominale stabilita per l'anno in corso, per un funding che dunque scende di 10 mld di euro.

"Dieci miliardi in meno sono già acquisiti"

ha spiegato Cannata, con le emissioni quasi sempre sopra la pari che hanno appunto permesso maggiori incassi rispetto al valore nominale.


"Finora abbiamo osservato che le richieste per il ripagamento dei debiti commerciali sono minori di quello che ci aspettavamo. Se non subisce un'accelerazione nel resto dell'anno probabilmente il funding si ridurrà ancora"

ha aggiunto la dirigente del Tesoro.

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail