UBI Banca emette Social Bond a sostegno della Comunità Papa Giovanni XXIII

UBI a sostegno del terzo settore. Cos'è il Social Bond “UBI Comunità per Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII" e come si sottoscrive.

UBI Banca rilancia il suo Social Bond, titolo obbligazionario che ha una finalità sociale perché chi lo sottoscrive contribuisce anche a sostenere il variegato e sempre più indispensabile settore del non profit, in due modi: destinando lo 0,5% della raccolta alla realizzazione di progetti di alto valore sociale oppure creando linee di finanziamento a tassi competitivi per investimenti nel privato sociale.

Ma vediamo più in dettaglio di cosa si tratta. UBI ha emesso il prestito obbligazionario solidale (Social Bond) UBI Comunità per Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, il 50esimo dal 2012, per un ammontare complessivo di 20 milioni di euro.

I proventi del collocamento saranno in parte devoluti a titolo di liberalità all’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII a sostegno del progetto “Un Pasto al Giorno”, facente parte di una campagna di raccolta fondi nazionale della Comunità d’accoglienza per minori abbandonati, soggetti disagiati e bisognosi di sostegno fondata da Don Oreste Benzi nel 1968.

La campagna ha avuto la sua massima visibilità proprio nei giorni scorsi con l’evento “Aggiungi un Pasto a Tavola” che ha riempito le piazze di circa mille città italiane sabato 20 e domenica 21 settembre.

Lo 0,50% del valore nominale delle obbligazioni sottoscritte andrà a tutto beneficio di “Un Pasto al Giorno”, progetto grazie al quale la Comunità Papa Giovanni XXIII - formata da oltre 500 realtà di accoglienza tra case famiglia, centri nutrizionali e comunità terapeutiche sparse in 30 paesi del mondo - garantisce 365 giorni all’anno accoglienza e sostegno alimentare a migliaia di persone in tutta Italia.

Le obbligazioni “sociali” di Banca UBI saranno in collocamento presso le filiali del Gruppo UBI Banca dal 22 settembre 2014 al 31 ottobre 2014, fatta salva l’eventuale chiusura anticipata dell’emissione o l’estensione del periodo di offerta.

Nel 2013 i centri della Comunità fondata da Don Benzi hanno assistito in Italia con le mense di strada o con la distribuzione diretta di generi alimentari 2.174 persone, servite dalle 346 strutture dell’associazione esistenti sul territorio nazionale.

In caso di collocamento dell’intero ammontare del Social Bond, l’importo corrisposto da UBI Banca garantirebbe la copertura dei costi di circa 84.000 pasti. Le obbligazioni, emesse da UBI hanno un taglio minimo di sottoscrizione di 1.000 euro, una durata 2 anni e una cedola semestrale che rende un tasso annuo lordo pari allo 0,9%.

Il tasso di remunerazione del Social Bond è in linea con il rendimento di analoghe obbligazioni emesse da UBI o di quelle dei titoli di Stato della stessa durata. Le obbligazioni non saranno soggette a quotazione in nessun mercato regolamentato o sistema multilaterale di negoziazione ma saranno negoziate dai collocatori in contropartita diretta nell’ambito del servizio di negoziazione per conto proprio.

L’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII può essere sostenuta anche direttamente con una donazione a mezzo di bonifico bancario sul conto corrente Banca Popolare di Ancona - IBAN IT94B0530824203000000003056, o attraverso l’Internet Banking Qui UBI (funzione “Bonifici solidarietà”). E ancora presso le filiali delle Banche del Gruppo UBI Banca con esenzione delle commissioni sia per i clienti che per chi non lo è.

“Per la nostra Comunità la collaborazione con UBI Banca è, ora più che mai, preziosa. In un momento in cui la povertà è sempre più vicina, le famiglie italiane vivono situazioni di disagio, e il nostro Paese è meta di persone in fuga da luoghi funestati da guerre o conflitti interni, iniziative come questa ci consentono di avere le risorse per garantire il cibo quotidiano alle persone da noi accolte. Per questo ringraziamo UBI Banca e tutti coloro che sottoscriveranno il Social Bond”

dice Giovanni Ramonda, responsabile generale della Comunità Papa Giovanni XXIII.

“Ormai da oltre due anni i Social Bond di UBI Banca sostengono progetti di elevato valore sociale, promossi da organizzazioni capaci di innovare i propri metodi nel servire le comunità di riferimento. La Comunità Papa Giovanni XXIII ne è un chiaro esempio: un’associazione efficace, attiva in tutta Italia, che si dimostra in grado di intervenire ogni giorno rispondendo in modo specifico alle diverse forme di povertà”

aggiunge soddisfatta Rossella Leidi, Vice Direttore Generale di UBI Banca.

L’emissione del Social Bond fa parte della strategia commerciale del Gruppo UBI Banca di sostegno al terzo settore grazie a UBI Comunità, una piattaforma di servizi e strumenti dedicati alle organizzazioni del non profit e alle istituzioni religiose. Un servizio che si propone di dare risposte efficaci e tempestive alle esigenze del terzo settore con prodotti ad hoc pensati per dare sostegno bancario e creditizio per la gestione quotidiana dell’attività e per gli investimenti futuri.

Da aprile 2012 a settembre 2014 UBI Banca ha emesso 54 Social Bond UBI Comunità, per un controvalore totale di oltre 565 milioni di euro. I social bond hanno permesso la devoluzione di contributi a titolo di liberalità per 2,8 milioni di euro, finalizzati a sostenere iniziative di interesse sociale, e lo stanziamento di un plafond per finanziamenti da 19,55 milioni di euro per il sostegno di attività d’impresa e per politiche di inserimento lavorativo presso imprese e cooperative sociali.

UBI banca è il quarto gruppo bancario commerciale italiano per capitalizzazione di Borsa, con una quota di mercato di oltre il 5%, 1.700 sportelli e 18.000 dipendenti. UBI Banca è un Gruppo cooperativo, quotato nel listino principale di Piazza Affari. Nel 2013 all'istituto di credito è stato assegnato il premio per l’innovazione nei servizi bancari nella categoria “La banca solidale” dell’Associazione Bancaria Italiana e il Premio Nazionale per l’Innovazione conferito dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

UBI social bond

  • shares
  • +1
  • Mail