BTP Italia: la terza emissione dal 15 al 18 ottobre

Al via da oggi, e fino al 18 ottobre compreso, la terza emissione di Btp Italia, le obbligazioni a misura di privati e famiglie secondo gli intenti del Tesoro.

Cosa sono? I Btp Italia sono obbligazioni quadriennali che hanno un tasso minimo garantito stabilito al 2.55%, anche in caso di deflazione. Questo perché sono gli unici Btp a non essere legati all’inflazione europea ma al Foi, l’indice Istat dei prezzi al consumo per famiglie di operai e impiegati esclusi i tabacchi.

Da qui il nome Btp Italia che inoltre a differenza degli altri Buoni poliennali del tesoro pagano ogni sei mesi appunto con un tasso minimo garantito che mette al riparo dai rischi di deflazione. Il Btp Italia  paga sempre il tasso reale minimo grazie al meccanismo chiamato floor il quale permette che nel calcolo del rendimento il capitale non scenda mai sotto la parità. Vengono insomma tutelati sia il capitale nominale che gli interessi.


Il collocamento - È previsto dal 15 al 18 ottobre e a differenza degli altri titoli di Stato i Btp Italia saranno acquistabili anche online. Il 18, alla fine del collocamento, sarà possibile conoscerne l’effettivo rendimento. Il tasso cedolare (reale) annuo definitivo non potrà comunque essere inferiore al tasso cedolare (reale) annuo minimo garantito. E c’è anche un premio fedeltà pari al 4 per mille del capitale lordo investito che sarà versato a tutti coloro che acquistano i titoli all’emissione e li mantengono fino a scadenza naturale.

Come si acquistano? I Btp Italia si possono acquistare anche online. Ciò vale per chi ha un conto corrente bancario con la funzione del trading. Da oggi per queste persone sarà possibile comprare i Btp Italia sulla piattaforma elettronica Mot. Tutti gli altri possono usufruire delle normali modalità di acquisto, in banca o nell’ufficio postale dove si ha il conto e impegnare almeno mille euro (o multipli). Nelle prime ore di oggi gli ordini di Btp Italia sono stati pari a 1 miliardo di euro.

Tasse da pagare - Come per tutti gli altri Btp non c’è da pagare nessuna commissione bancaria alla sottoscrizione. Nel caso di vendita anticipata delle obbligazioni o di acquisto successivo all’emissione le commissioni vanno concordate direttamente tra chi investe e la banca/posta. I Btp Italia sono tassati al 12,5% sugli interessi.

Foto © TMNews

  • shares
  • +1
  • Mail