Ryanair vola: utile semestrale +32%, a 795 milioni di euro

Rivisto al rialzo il target per l'esercizio in corso. Il ceo O' Leary: "I passeggeri sono sempre più sensibili ai prezzi e stanno passando in numero sempre maggiore a Ryanair".

La compagnia aerea low cost Ryanair ha chiuso il primo semestre fiscale del 2014 con un utile netto in salita del 32% rispetto allo stesso periodo del precedente esercizio, a quota 795 milioni di euro. Il traffico del vettore irlandese, prima linea aerea d'Europa a basso costo, è cresciuto nel periodo preso in esame del 4%, per arrivare a 51,3 milioni di passeggeri.

Non a caso Ryanair ha alzato il target per l'anno in corso (alla data del 31 marzo) portando così l'utile netto a 750-770 milioni, oltre 100 milioni in più della stima precedente. Questa è la seconda volta da inizio anno che il vettore aereo rivede all'insù le sue stime per l'intero esercizio.

L'amministratore delegato della compagnia aerea Michael O'Leary non ha nessuna paura per il registrato rallentamento dell'economia nell'Unione europea, anzi:

"I passeggeri sono sempre più sensibili ai prezzi e stanno passando in numero sempre maggiore a Ryanair".

Passeggeri che da 86 milioni presto dovrebbero diventare 89 milioni. Per la serie la crisi economica a qualcuno ha fatto bene. O'Leary ha spiegato che la revisione al rialzo è stata fatta dopo il buon andamento delle prenotazioni e la crescita dei tassi di occupazione.

Nel primo semestre dell'anno i ricavi di Ryanair sono saliti del 9% a 3,54 miliardi. Il coefficiente di occupazione è cresciuto del 4% per portarsi all'89%. C'è da dire che la compagnia ha comunque beneficiato dell'effetto delle vacanze pasquali 2014, l'anno scorso infatti erano cadute precedentemente.

FRANCE-TRANSPORT-PLANE-RYANAIR

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail