Accordo per la Eni di Gela: diventerà green

E i posti di lavoro sono salvi.

L'annuncio dell'accordo per la Eni di Gela arriva dal portavoce del ministro allo Sviluppo economico Federica Guidi. I posti di lavoro sono salvi e la raffineria diventa green. Il che significa che dopo 60 anni di industria petrolifera a Gela si abbandona la raffinazione del greggio e si passa alla produzione di biocarburanti.

L'Eni ha fatto sapere che in questo processo di riconversione saranno investiti 2,2 miliardi di euro e si è parlato anche del progetto di lavorazione industriale di gomma naturale, derivante dalla coltivazione della pianta del Guayule, in poche parole il lattice.

Nel verbale sottoscritto già nel precedente incontro si leggeva che ci sono stati "importanti approfondimenti finalizzati alla definizione di un protocollo per la conversione della raffineria di Gela che sarà condiviso da tutte le parti una volta che l'Eni avrà definito alcune garanzie fondamentali sintetizzate in sei punti".

1024px-Petrolchimico_di_Gela

  • shares
  • +1
  • Mail