Enel: prezzo di collocamento di Endesa fissato a 13,50 euro per azione

La decisione è stata presa nel Cda Enel di ieri.


Il Consiglio di amministrazione di Enel ha deliberato ieri il prezzo di collocamento dell'offerta istituzionale in 13,50 euro per ogni azione della controllata spagnola Endesa.

L'ammontare dell'offerta globale inoltre è stato fissato in 232.070.000 azioni, comprese 30.270.000 azioni oggetto di sovrallocazione e successivo eventuale esercizio dell'opzione greenshoe, pari al 21,92% del capitale sociale di Endesa, per un corrispettivo di 3.132.945.000 euro.

Il totale complessivo dell'offerta globale è stato fissato in base alla domanda arrivata dagli investitori istituzionali, al prezzo dell'offerta globale e alle condizioni del mercato.

Bbva, Banco Santander, Credit Suisse e Jp Morgan sono stati joint global coordinator dell'Opv, Goldman Sachs International, Morgan Stanley e Ubs Limited hanno fatto da joint bookrunner.


"Il forte interesse riscontrato nel corso dell’offerta è un importante riconoscimento sia per l’attrattività dell’investimento in Endesa, adesso pienamente concentrata nel creare valore dal nuovo quadro regolatorio della penisola iberica, sia per la visione e la strategia del Gruppo Enel"

ha detto un soddisfatto Francesco Starace, amministratore delegato e direttore generale di Enel.

Il governo per Enel - quarto gruppo industriale italiano per fatturato di cui il Tesoro detiene una quota diretta e indiretta del 31% - pensa a una cessione del 5-6% di entro la metà dicembre secondo le ultime indiscrezioni di stampa.

enel

  • shares
  • +1
  • Mail