Canone Rai in bolletta? Il governo frena

Dall'esecutivo per ora si limitano a confermare l'intenzione di voler ridurre e semplificare il canone Rai ma i tempi si allungano. Pesa l'opposizione della aziende di energia che dovrebbero farsi carico dei costi di riscossione.

La riforma del canone Rai, con il suo inserimento nella bolletta elettrica, può attendere. Da Palazzo Chigi arriva lo stop al sottosegretario alle Comunicazioni Antonello Giacomelli che stamattina a Radio 24 aveva dato per scontato l'inserimento della misura nella legge di Stabilità 2015. Marcia indietro sull'annuncio, la modifica legislativa non può farsi in tempi così stretti dicono fonti governative riportate dall'Ansa.

La riflessione in atto per ridurre e semplificare il canone Rai è sì:

"strategica ma appare improbabile che l'ipotesi di mettere il canone in bolletta possa maturare entro questa legge di stabilità visti i tempi tecnici troppo stretti".

In realtà a pesare sul rinvio non sarebbero state tanto le divisioni interne alla maggioranza ma l'opposizione delle aziende di fornitura di energia, contrarie a ogni intervento di questo tipo perché dovrebbero sobbarcarsi i costi di riscossione del canone Rai al posto dell'Agenzia della entrate.

Della serie: quando si fanno i conti senza l'oste. Lo stesso presidente dell'Authority per l'energia, Guido Bortoni, aveva detto che inserire il canone Rai in bolletta elettrica tecnicamente non è proprio una passeggiata. Un'altra difficoltà dell'applicazione della riforma è rappresentata dalla questione delle abitazioni diverse dalla prima casa.

Dal governo per ora si limitano a confermare l'intenzione di voler "ridurre e semplificare il canone Rai" ma con il tempo che serve per studiare meglio la materia che forse sarà oggetto di decreto ad hoc, all'inizio del 2015. Annunci e smentite, forse, se e ma. Il promesso risparmio per i cittadini in soldoni è saltato.

In mattinata Giacomelli aveva dato la riforma per cosa fatta, con il nuovo canone Rai spalmato nelle bollette elettriche e niente pagamenti con la dichiarazione dei redditi.

"Si tratta di capire come introdurre qualche punto di equità. C'è chi dice che potremmo incrociare i dati del reddito, e legare il canone all'Irpef, io sono un po' perplesso su questa possibilità. Legato all'Irpef mi pare molto più complesso e farraginoso"

secondo il sottosegretario.

L'importo del canone Rai trasferito in bolletta si dimezzerebbe. Dagli attuali 113,50 euro si pagheranno 60-65 euro?

"E' una cifra plausibile. Certamente pagheremo molto meno"

ha detto Giacomelli che esclude il pagamento dell'imposta sulle seconde case. L'evasione del canone si aggira sui 600 milioni di euro.

Canone rai in bolletta

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: