Shutdown scongiurato negli USA

Per i democratici il provvedimento "è la cosa peggiore che il governo può fare per aiutare i ricchi e i potenti"

Shutdown scongiurato in Usa dopo che la Camera dei rappresentanti americana ha approvato in extremis la legge sul budget per il 2015 grazie all’accordo tra il presidente democratico Barack Obama, anatra zoppa dopo aver aver perso la maggioranza in parlamento, e i leader del partito repubblicano.

Evitata quindi la temuta paralisi di tutte le attività non essenziali tra uffici e servizi federali. Obama incassa così un primo risultato dopo la vittoria della destra alle recenti elezioni di midterm, con i repubblicani che da gennaio avranno il controllo sia della Camera che del Senato.

Il provvedimento approvato vale 1.100 miliardi di dollari, è passato ieri sera con 219 voti a favore e 206 contrari, e finanzia le agenzie governative fino al prossimo settembre.

A votare contro l'area liberal dei democratici e i Tea Party, l’ala più conservatrice del partito Repubblicano. La Casa Bianca alla fine ha definito l'accordo "un compromesso accettabile".

Il provvedimento allenta i cordoni su Wall Street in termini di regolamentazione, prevede che le banche possano continuare a scambiare derivati con le garanzie federali, e allarga i vincoli sulle donazioni ai politici. Tutte misure che hanno trovato la ferma opposizione della leader della minoranza alla Camera Nancy Pelosi.

Secondo la senatrice democratica Elizabeth Warren, l’anti-Hillary Clinton nella corsa per le prossime presidenziali USA, il provvedimento è:

"la cosa peggiore che il governo può fare per aiutare i ricchi e i potenti"


Il compromesso prevede anche finanziamenti per 97 milioni di dollari per una società di arricchimento dell'uranio e uno stanziamento da 120 milioni per la metropolitana di Chicago. E poi c’è quell’aumento significativo del tetto delle donazioni dei privati a un partito politico: 324 mila dollari, prima la soglia massima era 32.400 dollari.

Sull’immigrazione nulla di fatto, il testo fa slittare al 2015 il confronto prevedendo il finanziamento del Dipartimento per la Sicurezza Nazionale solo fino a febbraio, quindi in materia sarà il Congresso a maggioranza repubblicana a decidere.

Shutdown evitato usa

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail