Che la protezione dello spirito "di vino" ci assista!

Wine Kit Inebrierà anche quest'anno di alcoliche novità e tecnologie tanniniche la romantica Verona per 5 giorni, portando come di consueto la città scaligera al centro del mondo eno-gastronico internazionale il Vinitaly 2007, facendo scalpore tra apprezzamenti e polemiche.
Si apre dunque trionfale anche quest'anno la fiera del vino più nota d'Italia suscitando scandalo tra i cultori di Bacco la nuova soluzione made in USA per la produzione casalinga di vino. Si tratterebbe di kit per la produzione in-house del prezioso nettare, già in commercio su Internet e in molti paesi anche europei che minaccia di alimentare ulteriormente il mercato del "falso di vigna".

La presentazione del diabolico set domestico per il piccolo viticoltore avrebbe stupito il pubblico del Vinitaly proprio a seguito di un lusinghiero panegirico del mercato eno-gastronomico italiano trasmesso dal Presidente Napolitano e letto ai presenti dal presidente della fiera Castelletti. L'iniziativa provocatoria è opera di Coldiretti che ha dimostrato come in 28 giorni si possa "fabbricare" un falso Chianti con un "wine kit" fai da te. Si tratterebbe secondo il presidente di Coldiretti, Marini dell'"ultimo, nuovo e pericoloso inganno a danno dei più prestigiosi vini italiani". (v. articolo)

Grazie al veloce ed economico stratagemma si sarebbero infatti moltiplicate le ditte produttrici e le etichette "falsificate" in Nordamerica, che, diciamo noi, probabilmente neanche ha gusto per il vino di qualità…quindi in fondo di che preoccuparsi?

La minaccia principale sembra arrivare però proprio dal cuore dell'Europa, dove l'antica arte delle fermentazione delle uve si è affinata nel tempo imbandendo le tavole dall'epoca greco-romana ad oggi. Tradizione secolare che rischia di essere minacciata, come successo per altre vittime illustri, dalla cultura del "tutto e subito". Si ordina online e viene recapitato a casa entro 48 ore, il miracoloso wine kit, che contiene nulla di più e nulla di meno di una confezione di succo d'uva concentrato sterilizzato, lieviti ed opportuni antifermentativi, alcuni "ferri del mestiere" ed etichette preconfezionate.

Con una spesa compresa tra i 10 ai 16 euro per un kit da 6 bottiglie e da 20 a 124 euro per un kit da 30 bottiglie, secondo le ditte produttrici, è possibile realizzare anche a casa un processo che porta alla produzione di vini come il Chianti, il Barolo, il Valpolicella, l´Amarone, il Frascati, il Verdicchio, il Gewurztraminer e molte altre specialità italiane, francesi ed europee per le quali sono fornite addirittura le etichette da applicare sulle bottiglie.

Il tutto, istruzioni alla mano, va lasciato decantare per 28 giorni, per una spesa compresa tra l'1,67 e il 2,67 euro a bottiglia, tanto varrebbe suggerisce giustamente qualcuno inoltrarsi nei forniti scaffali del supermercato dove il vino costa anche meno e la qualità minima è garantita.

  • shares
  • +1
  • Mail