Istat: fiducia dei consumatori cala a 99,7 a dicembre, sotto le attese

Secondo i dati Istat il peggioramento della fiducia riguarda riguarda sia la componente economica sia quella personale. Dato sotto le attese e ai minimi da febbraio scorso.

La fiducia dei consumatori a dicembre 2014 cala di nuovo passando a 99,7 dai 100,2 punti registrati a novembre, ai minimi da febbraio scorso. La mediana delle stime raccolte in un sondaggio Reuters tra gli analisti dava un indice generale a 100,5, con una forchetta compresa tra 97,3 e 101.

Nemmeno l'aria natalizia risolleva l'umore dei consumatori che anzi nel periodo di festa sentono ancora di più, evidentemente, la crisi dei redditi e del loro potere d'acquisto. Per fare un paragone impietoso in Germania la fiducia dei consumatori a fine 2014 è ai massimi da 8 anni a questa parte (nel video in alto).

Secondo i dati Istat diffusi oggi il peggioramento della fiducia in Italia riguarda sia la componente economica sia quella personale, con gli indici che rispettivamente diminuiscono a 103,2 da 103,9 e a 98,0 da 99,1.

Il sotto indice relativo al clima corrente si riduce a 97,2 da 99,0, quello che riguarda il clima futuro invece sale ma di pochissimo, attestandosi a 101,8 da 101,7 precedete.

In questo quadro, e con l'Italia che chiude in recessione il terzo anno consecutivo, anche il giudizio e le attese sulla situazione economica del Paese non possono che peggiorare con i rispettivi saldi che passano a -108 da -105 e a -15 da -13.

Pe la tendenza della disoccupazione, il saldo diminuisce a 48 da 53. I giudizi sulla situazione economica delle famiglie sono comunque in leggero miglioramento a -56 da -57, mentre per le attese il saldo scende a -19 da -16.

Sul bilancio familiare giudizi pure in lieve miglioramento a -17 da -18, con il saldo relativo all'opportunità attuale di risparmio che cala a 114 da 115. Per il il futuro i consumatori credono comunque in miglioramenti, il saldo va a -53 da -55.

Le valutazioni sull'opportunità di acquisto di beni durevoli però mostrano un deciso peggioramento con il saldo che passa a -89 da -79. In relazione ai giudizi e alle attese sulla dinamica dei prezzi al consumo i saldi passano rispettivamente a -5 da -8 e a -18 da -19.

A livello territoriale il clima di fiducia cresce nel Nord-ovest, cala nel Nord-est e al Centro e rimane stabile nel Mezzogiorno.

consumatori  fiducia dicembre

  • shares
  • Mail