Affitti che affliggono gli Italiani

Costi di affitto Sono sempre meno e sempre più cari gli immobili destinati al così detto canone di locazione. Secondo l’indagine appena pubblicata da Censis, Sunia e Cgil gli affittuari in Italia sono 4,180 milioni per un 18,7% delle case occupate (in deciso calo rispetto al 2004 quando la quota si aggirava intorno al 20,3%). Anche questa volta ci piazziamo agli ultimi posti della classifica Europea (quintultimo posto) per la percentuale di famiglie in affitto che in media si aggira intorno al 40% con punte del 57% nel caso della Germania.Un primato però siamo riusciti a conquistarlo per il numero di inquilini a basso reddito (terzi, con il 30%).

Secondo l’indagine gli affitti avrebbero subito una clamorosa impennata dei canoni tra il 1999 e il 2002 con aumenti nell’ordine del 62%, con particolare accento nei centri urbani, dove gli incrementi si sono aggirati intorno al 128,1% al Centro (dove i canoni sono continuati a salire in misura rilevante anche negli ultimi quattro anni), 110% al Nord e 106,1% al Sud, per una media del 112,4%. Hanno subito l’effetto contagio anche i centri medio-piccoli (tra 100 e 250 mila abitanti) con aumenti quantificati nell’ordine del 107,3%, 100,7%, 105,7% e 103,3%.

Se poca è l’attenzione dei privati verso l’affitto dei locali ancor più bassa è la considerazione dell’edilizia sociale, che dedica a malapena il 4,5% degli alloggi all’affitto, contro una percentuale compresa tra il 21% e il 35% di Olanda, Svezia e Regno Unito. (v. articolo)

D'altronde Il disagio di vivere in affitto si misura anche in relazione al reddito delle famiglie: il 76,4% ricade nella fascia di reddito sotto i 20.000 euro, il 20% tra i 20.000 ed i 30.000 euro, e solo il 3,5% dichiara di avere un reddito familiare superiore ai 30.000 euro. Nelle grandi città, dove i canoni sono molto più alti, sono più ampie proprio le fasce più basse: le famiglie in affitto con reddito sotto i 10.000 euro sono il 24,5% contro il 18,1% dei centri con meno di 250.000 abitanti. La cosa non stupisce visto che l'Italia ha un'elevata percentuale di case di proprietà...chi non se la potrà permettere ricorrerà all'affitto, direbbe un superficiale osservatore del sistema nostrano...fosse facile risponderemmo noi!

  • shares
  • +1
  • Mail