Dipendenti pubblici: 220 licenziati in un anno

Sono 99 i licenziamenti legati alle assenze, 78 quelli per reati commessi dai dipendenti pubblici. I dati della Funzione Pubblica aggiornati seguono le polemiche sulla non applicabilità agli statali dei licenziamenti facili previsti dal nuovo articolo 18.

Sono 220 i dipendenti pubblici licenziati dallo Stato in un anno, la metà dei quali per assenze ingiustificate e un altro 36% per aver commesso reati nell'esercizio o comunque nell'ambito delle loro funzioni.

A riportare questi numeri - dopo le polemiche sulla non applicabilità dei licenziamenti facili agli statali ma solo ai dipendenti privati - è la Funzione pubblica sul proprio sito.

Gli oltre 200 dipendenti della pubblica amministrazione licenziati nel 2013 rappresentano il bilancio dei 6.900 procedimenti disciplinari aperti nei confronti del personale e come detto la metà dei provvedimenti di licenziamento sono stati determinati da assenze ingiustificate o non comunicate nei tempi dovuti.

Sono infatti in tutto 99 i licenziamenti legati alle assenze, 78 quelli per reati (il 36%), 35 quelli ascrivibili a comportamenti non corretti verso i superiori o i colleghi, da negligenza e inosservanza degli ordini di servizio (16%).

Il maggior numero di licenziamenti degli statali si è avuto nelle scuole (81) e nei ministeri (66). Rispetto al 2012 il numero totale di licenziamenti risulta praticamente stabile (223) però la ragione principale per il licenziamento allora era connessa ai reati, che erano causa del 47% dei licenziamenti contro il 29% delle assenze dal servizio.

Anche nel 2011 i reati erano il motivo di circa metà delle interruzioni del rapporto lavorativo con il pubblico, ma il numero complessivo di licenziamenti disciplinari era maggiore (288). Quando non scatta il licenziamento, i provvedimenti disciplinari possono chiudersi con una sospensione durante la quale il dipendente pubblico infedele viene privato della retribuzione. Le sospensioni, che possono esseri di giorni, mesi o anni, sono state nel 2013 circa 1.400.

La relazione dell'Ispettorato della Funzione pubblica sul totale dei procedimenti disciplinari 2013 si è chiusa con l'adozione di sanzioni gravi nel 25% dei casi, percentuale stazionaria nell'ultimo triennio, con la stragrande maggioranza delle procedure che è relativa a sanzioni e non a licenziamenti.

Licenziamenti statali

  • shares
  • +1
  • Mail