Grecia, BCE e FMI: impossibile un taglio del debito

Dopo la vittoria del partito greco anti austerità Syriza istituzioni internazionali in pressing affinché Atene onori i suoi debiti

All'indomani della vittoria del partito di sinistra radicale Syriza alle elezioni politiche in Grecia si moltilplicano gli appelli al rispetto degli obblighi e dei doveri del Paese ellenico verso i creditori internazionali.

A mettere tra i primi la mani avanti la Bce, uno dei membri della troika (con Fmi e Ue) che ha imposto un lustro di politiche di austerità alla Grecia in cambio di corposi prestiti per evitare il default. Denari che devono tornare alla base comunque, nessuna ristrutturazione o taglio del debito greco è alle viste.

Il membro del consiglio direttivo della Bce, il francese Benoit Coeuré, al quotidiano tedesco Handelsblatt dopo il voto che ha visto il trionfo di Syriza di Alexi Tsipras chiarisce:

"E' impossibile, non possiamo accettare una riduzione del debito che include titoli greci che si trovano presso la Bce"

Per Coeuré non sarebbe possibile per legge.

Sulla stessa linea d'onda il Fondo monetario internazionale secondo cui la Grecia deve rispettare le regole dell'eurozona e non può chiedere un trattamento speciale sul debito solo perché Syriza ha vinto le elezioni (senza conquistare per un soffio la maggioranza assoluta dei seggi).

La numero uno del Fmi Christine Lagarde al quotidiano francese Le Monde dice:

"Ci sono regole interne dell'Ue che vanno rispettate. Non possiamo creare speciali categorie per questo o per quel paese".

Lagarde ha aggiunto che la Grecia deve continuare sulla strada delle riforme, in primo luogo in materia di raccolta fiscale e per ridurre gli arretrati giudiziari.

"Non è una questione di austerità, queste sono riforme profonde che restano da fare"

Non poteva mancare il monito della Bundesbank, la banca centrale tedesca, paladina delle politiche del rigore in Eurolandia:

“La Grecia rispetti gli impegni, fare le riforme è nel suo interesse”.

ha detto il presidente Jens Weidmann. Oggi nella riunione dell’Eurogruppo è facile prevedere che si parlerà quasi esclusivamente di Grecia.

Grecia taglio  ebito

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail