Samsung: crolla l'utile netto, profitti giù del 40%

Per Samsung si prospetta alquanto difficile: questa è la quarta flessione consecutiva del risultato netto sotto il peso della concorrenza di Apple e dei rivali cinesi.

Crisi samsung

Samsung Electronics è in crisi. Il gigante sud coreano dell'elettronica e dell'hi-tech annuncia utili in forte calo, un tracollo che si evidenzia in tutta la sua portata se si guardano i conti del primo trimestre dell'anno in corso.

L'utile netto è calato di quasi il 40% solo tra gennaio e marzo come conseguenza soprattutto della "pressante" concorrenza di Apple, i cui conti vanno invece a gonfie vele soprattutto grazie al nuovo iPhone 6, e degli altri competitors cinesi.

L'utile netto dell'azienda, fa sapere Samsung, nei primi tre mesi dell'anno si è attestato a 4.900 miliardi di won, cioè circa 4,3 miliardi di dollari, il 38,9% in meno rispetto al primo trimestre dell'anno scorso, dai 5.500 mld di won stimati dagli analisti.

Questa è la quarta flessione consecutiva del risultato netto di Samsung e se il buon tempo si vede dal mattino si annuncia davvero un 2015 difficile per la multinazionale sudcoreana. Tutte le speranze sono ora riposte sulle vendite dei nuovi Galaxy S6 e della componentistica.

Samsung stima di vendere 46 milioni di Galaxy S6, per metà della versione normale e per l'altro 50% della versione Edge, con doppio schermo curvo. La stagionalità per televisioni e condizionatori dovrebbe ridare invece fiato alla divisione consumer electronics.

Trimestrali: utili giù per Samsung, crescono Nokia e Facebook

Dopo la trimestrale record di Apple, Samsung deve annunciare il primo calo degli utili da tre anni a questa parte. Il colosso sud coreano dell'elettronica prevede un 2015 "difficile quanto il 2014" annunciando di aver realizzato l'anno scorso profitti netti di 23.400 miliardi di won (21,45 miliardi di dollari) per una flessione del 23,2% rispetto al 2013. Gli utili operativi sono calati dell'11,7% a 25 mila miliardi di won e le vendite sono scese del 10% a 206 mila miliardi di won.

A registrare profitti trimestrali sopra le attese alle attese è Nokia nel suo core business delle tecnologie per reti, in virtù dell'allargamento dei servizi 4G nel Nord America.

L'utile operativo della divisione sale a 470 milioni di euro nel quarto trimestre del 2014, dai 397 mln del trimestre precedente. Le previsioni di Reuters non andavano oltre i 415 milioni. La società finlandese di tlc ed elettronica pagherà un dividendo di 14 centesimi di euro per azione (dagli 11 cent dell'anno scorso) meno dei 16 centesimi previsti dagli analisti.

Facebook, nel quarto trimestre del 2014 ha fatto segnare invece utili in aumento del 34%, grazie all'espansione della sua presenza nel mercato mobile, ma sono risultati in notevole aumento anche i costi. A fronte di profitti per 701 milioni di dollari (dai 523 milioni del IV trimestre 2013) le spese totali sono cresciute dell'87%, a 2,72 miliardi di dollari, con i costi in ricerca e sviluppo più che raddoppiati

Gli utili per azione passano da 25 centesimi da 20, al netto di voci straordinarie sono però pari a 54 centesimi ad azione, +34% rispetto ai 31 centesimi dello stesso periodo del 2013. I ricavi assommano a 3,85 miliardi di dollari, il 49% in più rispetto ai 2,59 miliardi del 2013, contro le previsioni degli analisti ferme a 3,77 miliardi di dollari.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail