Juncker: "Escludo default Grecia, Atene nell'Euro"

Ma il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble non eslude ancora la Grexit, l'uscita della Grecia dall'euro.

Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea "per la seconda volta" dalla sua nomina ha incontrato oggi il premier greco Alexis Tsipras e pur dicendosi "non contento degli ultimi sviluppi" sul piano di riforme ellenico vincolato alla proroga degli aiuti finanziari, esclude il default di Atene e la sua uscita dall'Euro.

"non è il momento delle divisioni: ora dobbiamo lavorare insieme e seguire un percorso pro-europeo"

ha affermato Juncker trovando un interlocutore "ottimista" sul fatto che si che si possa trovare una soluzione per risolvere la grave crisi greca.


"Siamo ormai giunti ai momenti decisivi. La Commissione non è l'attore protagonista di questa fase, ma faremo di tutto per collaborare. Quello che escludiamo è il default. Ritengo possibile una soluzione nelle prossime settimane"

ha detto il presidente della commissione dell'Ue. Tsipras ha risposto dicendosi felice per l'incontro in modo da discuter il modo migliore di mettere in pratica l'accordo del 20 febbraio all'Eurogruppo, quello che ha esteso il programma di bailout fino a giugno 2015 per Atene:

" lavoriamo per trovare il miglior modo di implementare le decisioni già prese. Credo che se c'è la volontà politica tutto è possibile".

Il ministro delle Finanze tedesco Wolfgang Schaeuble - che ha fatto beccare alla Germania la protesta ufficiale dell'ambasciatore greco a Berlino - invece crede che un'uscita della Grecia dall'euro sia ancora più che probabile.

"Dal momento che la responsabilità di decidere è solo della Grecia, e non sappiamo cosa pensa di fare chi è al governo, non possiamo escluderlo"

ha detto ieri sera il ministro tedesco all'emittente austriaca Orf.

Incontro Tsipras juncker

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail