Logo Blogo

Tutti gli articoli con tag saldi estivi

Saldi Flop: acquisti solo per una famiglia su tre

pubblicato da Mario Marcello Forte


Il primo consuntivo dell’Osservatorio Nazionale di Federconsumatori sui saldi estivi 2011 è disastroso. Nonostante le previsioni al ribasso rispetto al 2010 e la successiva revisione ancora in negativo dopo qualche giorno il bilancio è fortemente negativo, il calo è talmente sensibile che nemmeno i più pessimisti avrebbero potuto prevederle.

Dopo il crollo del 2010 la riduzione nella stagione estiva 2011 è al momento del 9,5%. Le famiglie che sono coinvolte negli acquisti sono appena 1 su 3 (circa 8 milioni) con una spesa media per nucleo familiare di appena 134 euro. Il giro d’affari dei saldi è pari a un miliardo e 85 milioni di euro.

Si conferma peraltro che gli acquisti hanno interessato soprattutto quelle famiglie che hanno anticipato gli acquisti per il corredo scolastico. Secondo le stime di Federconsumatori la situazione non è destinata a migliorare, soprattutto alla luce delle misure prese dal governo in materia fiscale che sono destinate a ridurre ulteriormente il potere d’aquisto delle famiglie.

....
condividi 2 Commenti

I saldi 2011 non decollano: Federconsumatori rivede al ribasso le stime

pubblicato da Mario Marcello Forte


In una nota congiunta Federconsumatori ed Adusbef sottolineano come i saldi estivi 2011 si stiano rivelando un flop anche maggiore delle attese. Prima della partenza del 2 luglio, in contemporanea in tutta Italia, le stesse due associazioni dei consumatori avevano fornito delle stime al ribasso rispetto al 2010. Un calo fra il 4% e il 6%, soltanto il 37% (9,120 milioni) delle famiglie coinvolte per una spesa complessiva di 1 miliardo e 285 milioni, pari ad una spesa di 141 euro a famiglia, ovvero 56 euro a testa.

Dopo la prima settimana di saldi, purtroppo, dobbiamo ammettere si essere stati fin troppo ‘ottimisti’ pur nelle nostre negative previsioni la grave situazione economica e la conseguente riduzione del potere di acquisto delle famiglie stanno incidendo più pesantemente di quanto previsto sull’andamento dei saldi. Già questi dati mettevano in evidenza l’estrema difficoltà delle famiglie, sempre meno ‘invogliate’ a fare acquisti neppure in occasione dei saldi. Oggi, alla luce dell’andamento registrato durante la prima settimana dei saldi, dobbiamo rivedere ulteriormente al ribasso le prime stime fatte.

Secondo le nuove rilevazioni la caduta degli acquisti a saldo rispetto al 2010 sarà fra l’8% e il 10% con una spesa complessiva di 1,2 miliardi di euro e una media per famiglia di 134 euro. Il settore trainante, ovviamente l’abbigliamento, evidenzia una tendenza all’acquisto di “capi utili” per la stagione, niente più follie per le famiglie italiane.

....
condividi 4 Commenti

Saldi Estivi 2011: Federconsumatori prevede pochi acquisti

pubblicato da Mario Marcello Forte


Mancano appena tre giorni alla partenza ufficiale del Saldi Estivi 2011. Sabato 2 luglio porte aperte in tutti i negozi d’Italia, grazie al calendario unificato, per gli sconti e le promozioni dalla stagione calda di questo 2011. Un meteo decisamente poco estivo, almeno in questo mese di giugno, ha permesso ai consumatori di rinviare gli acquisti di abbigliamento e vestiti “leggeri”, ma nonostante questo le previsioni dell’Osservatorio nazionale di Federconsumatori sull’impatto dei saldi sono negative.

Rispetto al 2010 è previsto un calo fra il 4% e il 6% del giro d’affari dei saldi. Secondo Federconsumatori le famiglie che effettueranno acquisti nel periodo delle promozioni saranno appena il 37% (circa 9 milioni di persone) con una spesa complessiva stimata superiore al miliardo di euro (1285, per la precisione). L’esborso medio per famiglia dovrebbe essere di 141 euro, 56 euro a persona.

La notizia lascia piuttosto perplessi visto che pare impossibile fare una stima preventiva (fra l’altro così precisa). Viene proprio da domandarsi come siano stati tirati fuori questi dati, ma tant’è.

....
condividi 1 Commenti

Saldi Estivi 2011: il calendario unificato, si parte il 2 luglio

pubblicato da Mario Marcello Forte

Il 2 Luglio partono in tutta italia i saldi estivi 2011
Saldi Estivi 2011? Tutti con la stessa data di partenza, il primo sabato del mese di Luglio vedrà partire la caccia agli acquisti scontati. Nessun calendario da spulciare, i consumatori di tutta Italia (unica eccezione la provincia di Bolzano con la data fissata all’8 luglio e quella di Trento in cui sono stati liberalizzati) vedranno partire gli sconti nello stesso giorno: il 2 Luglio.

Nonostante la caccia agli sconti sia di fatto attiva tutto l’anno il periodo ufficiale dei saldi ha sempre un certo fascino sugli acquirenti, soprattutto quelli che hanno atteso qualche settimana per rinverdire il guardaroba estivo. Le indicazioni da seguire per evitare truffe e fenomeno speculativi da parte dei negozianti disonesti sono le solite. Ripassiamole insieme.

    1. I saldi sono un’occasione per comprare soprattutto quei prodotti che preferite, ma che hanno un prezzo troppo elevato per le vostre tasche. Fate un giro per i negozi prima del 2 luglio, date un’occhiata approfondita e appuntatevi i prezzi esposti prima dei saldi. In questo modo potrete verificare se lo sconto praticato è “reale” o illusorio.

    2. Tutti i prodotti in vendita nel periodo dei saldi devono sempre avere l’indicazione di due prezzi, quello originario e quello del periodo promozionale con l’indicazione della percentuale di sconto applicato.

    3. Il negoziante è obbligato a cambiare i prodotti, ma il diritto di recesso si applica soltanto in presenza di difetti di conformità del prodotto riscontrabili. Se il prodotto acquistato non è difettoso il negoziante, anche a fronte della presentazione dello scontrino fiscale, può rifiutare l’accettazione del reso.

    4. I “saldi” dovrebbero riguardare, e qui si fa riferimento in particolare all’abbigliamento, prodotti della stagione in corso. I “fondi di magazzino” possono essere naturalmente messi in vendita, ma deve essere indicato esplicitamente (con la denominazione “fine serie”) e dovrebbero avere una percentuale di sconto superiore rispetto agli altri prodotti.

....
condividi 0 Commenti