Grecia: Fitch alza il rating di Atene a CC

Grecia taglio rating

L'agenzia di rating Fitch ha alzato il giudizio sul debito sovrano della Grecia a "CCC" da "CC". L'agenzia spiega che l'upgrade è legato ai migliori rapporti di Atene con i creditori, dopo il raggiunto accordo in cambio di aiuti per 86 miliardi di euro.

«La scorsa settimana è stato raggiunto un accordo raggiunta in tempi relativamente veloci e senza ulteriori ulteriori dilazioni rispetto a quanto stabilito. Ciò è frutto di un miglioramento nelle relazioni tra il paese e i creditori internazionali, ai massimi livelli»

dice una nota diffusa da Fitch ieri sera. Il parlamento spagnolo intanto ha approvato con un alarga maggioranza il terzo pacchetto di aiuti da 86 miliardi destinati alla Grecia. Oggi è stata la volta del parlamento tedesco che ha votato anche per io sì; al Bundestag 56 parlamentari Cdu-Csu avevano annunciato il loro no mentre 4 l'astensione

Il rischio di una Grexit, l'uscita di Atene dall'euro, secondo gli analisti di Fitch rimarrebbe alto se i rapporti fra la Grecia e i creditori dovessero interrompersi. Il rating della Grecia rimarrà comunque a livello CC - cioè “junk” (spazzatura) - finché non ci sarà un consistente miglioramento della situazione economica del paese ellenico.

Grecia: Fitch taglia rating di Atene, a un passo dal default


28 marzo 2015

Grecia declassata dall'agenzia di rating internazionale Fitch che ha portato il giudizio sull'affidabilità finanziaria del paese ellenico da B a CCC a causa della possibilità che le riforme proposte da Atene all'ex troika (ue, Bce, Fmi) non vengano attuate.

Atene ora si trova appena in gradino sopra la D, di default, bancarotta, fallimento. Fitch nell'abbassare il rating della Grecia parla di "pressione estrema sul finanziamento del governo greco" riferendosi all'esame che questo fine settimana verrà sulle riforme annunciate dal governo anti austerity di Alexi Tsipras.

Le cause del taglio del rating per Atene vanno ricondotte principalmente all’attuale mancanza di accesso al mercato del debito per il governo greco, quindi impossibilità di autofinanziarsi, e ai problemi di liquidità del comparto bancario ellenico.

La Grecia ha debiti per un totale di 320 miliardi di euro. A febbraio, l’Eurogruppo ha approvato in via preliminare il piano di riforme presentato dall'esecutivo Tsipras estendendo, con riserva, il programma di aiuti finanziario fino a giugno 2015.

Sostegno vincolato alla piena attuazione di un piano di riforme orientate al risparmio, a tutela dei creditori internazionali di Atene.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail