Arriva l'assistente virtuale per la dichiarazione fiscale!

Assistente virtuale del fisco E' mora, di bella presenza, dallo sguardo accattivante e con un nome "familiare", ma soprattutto paziente e assolutamente preparata in materia fiscale. Prossimamente anche sui vostri schermi Betty (v. Agenzia delle Entrate), la nuova "hostess" del fisco vi guiderà per le intricate e labirintiche procedure di compilazione dell'F24. Si tratta di un avatar dalle sembianze estremamente femminili con un compito piuttosto difficile, la progressiva riconciliazione tra contribuenti e fisco. Grandi imprese e titolari di partita Iva potranno rivolgersi direttamente alla bella guida virtuale per capire come si usufruisca di un addebito diretto su conto corrente bancario e si benefici di meccanismi di compensazione tra debiti e crediti anche in merito all'Ici (v. articolo).

Un trasloco graduale quello alla realtà virtuale che ha già coinvolto la gran parte dei modelli F24 grazie ad un provvedimento firmato Bersani-Visco (legge 248/06) con cui si introduce l'obbligatorietà del versamento di imposta per via telematica per tutti i professionisti titolari di partita Iva a partire dal 1° gennaio 2007. I modelli pre-compilati snelliscono considerevolmente le procedure di dichiarazione e non necessitano di alcun aggiornamento tecnologico o SW specifici. Si calcola che sono 60 milioni i titolari di partita Iva che lo utilizzano e di questi 25 milioni potrebbero transitare sul canale web dell'Agenzia delle entrate.
Il servizio F24 WEB è reso disponibile con gradualità prima alle grandi imprese e in un secondo momento ai soggetti titolari di partita Iva nonché alle persone fisiche e propone un prototipo in grado di fornire istruzioni vocali, personalizzate e in tempo reale durante la compilazione in rete del modello di versamento.

Cosa si può fare con l'F24 telematico?

Oltre al pagamento delle imposte, contributi e premi il modello F24 consente di versare l'ICI e utilizzare i crediti IRPEF a compensazione della tassa sulla casa. Dal primo maggio la procedura è disponibile anche a pensionati e lavoratori dipendenti che possono inoltrare il proprio Unico in via telematica. Diventa così possibile attivare la compensazione sia con il modello 730, sia con Unico.

La denuncia dei redditi di 16 milioni tra lavoratori dipendenti e pensionati sarà pre-compilata dall'amministrazione finanziaria e resa disponibile sul Web tramite accessi riservati naturalmente. Sembra dunque imminente l'addio definitivo a commercialista e Caf, grazie ad un modello "730" già completo di redditi da lavoro dipendente, eventuali collaborazioni, detrazioni per carichi familiari. Al contribuente non resterà altro che indicare le altre detrazioni di cui vuole beneficiare, ad esempio per le spese mediche.

Quali sono i risparmi?

A fronte di un'iniziale diffidenza saranno considerevoli i vantaggi monetari e in termini di tempo della trasmissione telematica che consentiranno ai contribuenti di risparmiare fino all'1% in commissioni bancarie nel caso del pagamento dell'Ici. Nel prossimo futuro inoltre, spiega il direttore dell'Agenzia delle Entrate Massimo Romano, oltre a Betty potrebbero arrivare anche le comunicazioni sul cellulare per ricordare, ad esempio, una scadenza fiscale.

  • shares
  • Mail